Gilardino-Genoa ancora insieme? L’allenatore lo svela in conferenza

Il Genoa ha raggiunto il traguardo della salvezza e ora potrà affrontare le ultime sfide come una serie di tappe in vista della prossima stagione. Gilardino, ex della sfida, tornerà per la prima volta a San Siro come allenatore. Anche il Milan non deve chiedere nulla alla classifica, tranne il secondo posto da difendere per partecipare alla Supercoppa italiana. L’allenatore del Grifone ha presentato la gara, svelando anche quale sarà il suo futuro con il club.

Milan-Genoa, la conferenza di Gilardino

Gilardino ha esordito in conferenza stampa con una novità: Abbiamo trovato un accordo verbale con la società per il rinnovo, nei prossimi giorni ci rivedremo. Sono contento e sono felice. È sempre stato il mio desiderio e la mia volontà. Ne avevo parlato alla società nelle passate settimane. C’è la volontà di dare continuità al lavoro fatto con il mio staff e con la squadra. Mancano i dettagli ma c’è stato un accordo verbale molto positivo“. Chiusa la parentesi futuro, ha fatto chiarezza sulle condizioni di Gudmundsson: “Faremo delle valutazioni nella giornata di oggi. Avremo la rifinitura e poi partiremo per Milano. Speriamo e ci auguriamo di recuperarlo”. Sui prossimi avversari: “Affrontiamo una squadra forte, di talento e allenata molto bene da mister Pioli. Il Milan è secondo in classifica e ha una media punti simili a quando hanno vinto il titolo. La differenza è che l’Inter sta giocando un campionato a parte”. Poi, sul traguardo dei 42 punti: “Il sogno era quello. Partendo in ritiro ci sono state delle difficoltà oggettive ma mano a mano ho sempre avuto la fotografia chiara che questa squadra avesse qualcosa di forte dentro di sé e avesse grandissime qualità umane. Ci abbiamo sempre creduto, abbiamo sempre lottato e questa è stata la forza dei ragazzi. Sono molto contento“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Torino-Bologna: Sozza ancora in rodaggio, non c'è rigore su Buongiorno Successivo Venezia, Vanoli: "Per la Feralpi è l'ultima spiaggia, ma noi dobbiamo crederci fino in fondo"

Lascia un commento