Gigio, su De Bruyne una prodezza che vale un gol. È il portiere più forte d’Europa? VOTA

La prodezza du De Bruyne ha aperto la strada al successo dell’Italia sul Belgio. A soli 22 anni, Gigio è già entrato nell’elite degli estremi difensori mondiali. Scegliete il migliore numero 1 del torneo

Negli Usa dicono: “Ci sono bugie, grandi bugie e statistiche”. Non è sempre vero, a volte i numeri raccontano grandi verità. Ma spesso servono solo a riempire schermate di calcoli che l’occhio nudo svergogna. È il caso di Gigio Donnarumma.

Il sito ufficiale degli Europei lo colloca al 20° posto tra i portieri impegnati al torneo. Solo 6 parate in 5 partite, contro le 21 del leader di questa particolare classifica, lo svizzero Sommer, eliminato ieri ai rigori dalla Spagna dopo aver respinto ben 21 tiri nelle sei gare disputate. Ma ci sono parate e parate. Provate a pensare come sarebbe andato il quarto col Belgio se Gigio non avesse messo la sua manona, anzi, la punta delle dita, su quel tracciante di De Bruyne in avvio di partita. Orizzontale al prato dell’Allianz, disteso per tutti i suoi 196 centimetri, giusto quanto è bastato per mandare in angolo quel pallone velenoso. Una prodezza che ha incantato anche gli americani, con la popolare trasmissione di Espn, Sportscenter, che l’ha classificata tra le migliori giocate della giornata sportiva. Al primo posto – peraltro – la perla di Insigne.

abitudine

—  

D’altronde ormai Donnarumma ci ha abituato ad acrobazie del genere. Chiedere ai tifosi milanisti per conferme. Gigio rende l’ordinario straordinario, la normalità eccezione. Vero, magari non sarà un fenomeno nelle uscite, ma è migliorato anche lì. Come coi piedi. E poi, val la pena ricordarlo visto che ormai lo ammiriamo dal 2016 ai massimi livelli, ha solo 22 anni. In un ruolo dove la maturità arriva solitamente attorno ai 30. Lui ha debuttato in Serie A a 16…

Gli altri

—  

Donnarumma in questi Europei ha subito solamente due gol: uno agli ottavi contro l’Austria, l’altro su rigore da Lukaku ieri sera nei quarti. Suo – per la stragrande maggioranza – anche il primato di imbattibilità in maglia azzurra, 1168 minuti, al quale hanno anche contribuito Sirigu con 91 minuti, Cragno con 63 e Meret con 27, superando i 1143 del mitico Dino Zoff. Sin qui l’unico portiere agli Europei a non aver ancora incassato reti è l’inglese Jordan Pickford (anche lui in fondo alla classifica delle parate Uefa, 18° con 7). Tra gli altri numero uno che si sono messi in luce sin qui nel torneo continentale, vanno sicuramente citati il danese Kasper Schmeichel e il solito Courtois, eliminato ieri col suo Belgio proprio da Donnarumma e compagni. Uno che invece di sicuro non entra in classifica è lo slovacco Martin Dubravka: la sua clamorosa autorete contro la Spagna potrebbe passare alle rete come la più grossa papera mai vista agli Europei, con buona pace del liscio dello spagnolo Unai Simòn. Ma la scelta del numero uno tra i numeri uno, la lasciamo a voi. Vai col voto quindi.

Tifa Italia con noi! Solo fino a quando gioca la Nazionale accedi ad una offerta mai vista prima: la Digital Edition del quotidiano Gazzetta per la prima volta ad un prezzo di 2,99€/mese per 12 mesi! Attivati ora!

Precedente Calciomercato Inter, Lautaro resta in bilico Successivo La giornata di Spina: a breve lascia Coverciano, nel pomeriggio esami a Roma

Lascia un commento