Germano, la contessina e i gol: storia di un amore proibito a Milano

Nel 1962 il Milan acquista il suo primo giocatore nero. Rocco assicura: “È un campione”. Prima di campionato: due gol. Poi si ferma. Che succede? Un maneggio, un fidanzamento, aerei, processi, colpi di scena…

Sessant’anni fa, 1962. Il Milan è campione d’Italia in carica. Maglie a piccole strisce rossonere, uno scudettone sul petto. Si parla molto di Bruno Mora, arrivato dalla Juventus in cambio di Sandro Salvadore, e di José João Altafini, che a San Siro, in Coppa Campioni, segna cinque gol all’Us Luxembourg. Una spettacolare partenza, come da pronostici. Poi, improvvisamente, tutta l’attenzione si concentra sul nuovo brasiliano José Germano de Sales.

Precedente La mega festa per i 30 anni di El Shaarawy: show e discorsi commoventi Successivo Alvini: “Voglio vedere esultare i miei calciatori, la voglia non ci manca”