Gentile: “Spagna senza gioco, l’Italia è nettamente favorita. E in finale…”

2004. Non una data qualunque ma quella dell’ultimo titolo a livello europeo di una Nazionale italiana, quella U21 guidata da Claudio Gentile. L’ex mister ha parlato a Radio 1 Rai nel corso di Radio Anch’Io Sport. Tema principale l’Europeo e la semifinale della squadra di Roberto Mancini contro la Spagna di martedì sera.

PARAGONI – “Gentile ’82 Chiellini di oggi? Un paragone che ci può anche stare. Lo ha dimostrato. I paragoni sono sempre un po’ difficili ma penso che Chiellini sia uno dei difensori più forti adesso”, ha detto Gentile. “Raspadori come Paolo Rossi? Penso che Mancini ha il polso dello spogliatoio. Se deve rischiare qualcosa deve farlo durante la partita. Non solo pessimista nei confronti delle nostre punte (Immobile e Belotti ndr). Sono ottimista e la partita contro la Spagna non mi sembra un ostacolo duro. Non va sottovalutato ovviamente ma sono ottimista, ripeto”.

PRONOSTICO – “Vedo tanta euforia e ci sono i crismi per mirare alla finale. Io vedo l’Italia finalista. A volte non vince sempre la più forte. La Spagna è una squadra senza gioco e senza giocatori che sono determinati. Vedo l’Italia nettamente favorita”. Sull’eventuale finale: “Molti danno Italia e Inghilterra in finale. Chi è più pericoloso? In generale non è una squadra facile da bettere. Anche io vedo questa finale e credo siano le due squadre più forti. La finale non sarà facile. Anche loro sono all’altezza per vincere, però, ora pensiamo alla Spagna”.

CT – “Mancini nuovo Bearzot? Io penso proprio di sì e penso anche alla forza del gruppo. Noi in Spagna siamo partiti con le critiche, abbiamo fatto gruppo e sapevamo che con la vittoria avremmo superato ogni cosa. Il fatto di fare gruppo è davvero molto importante. Mancini è stato molto bravo ma non voglio dire nulla. Ci vorrebbe la ciliegina…”.

SPINAZZOLA – “Penso che Mancini abbia già fatto la scelta del sostituto. Ma un CT deve essere bravo a sostenere questo problema. Purtroppo possono capitare queste cose. Sono sicuro che Mancini si farà trovare pronto”.

CENTROCAMPO AZZURRO – “Il centrocampo la vera mossa di Mancini? Si, il centrocampo fa gioco, sa impostare e sa difendere. Sa fare possesso. Il centrocampo e i suoi elementi fanno dire ancora una volta bravo a Mancini”.

DELUSIONE E SORPRESA – “La delusione più grande è senza dubbio la Francia. Non tanto per i rigori che si possono sbagliare ma era sul 3-1 e si è fatta rimontare. Sicuramente la Francia la più grande delusione. La sorpresa? La Svizzera. Perché ha perso con noi e poi ha fatto quelle grandi partite. Quindi dico Svizzera”. “Danimarca? Non è favorita contro l’Inghilterra ma il campo può dare risultati impensabili”.

JUVENTUS – Dalla Nazionale al club. Si parla di Juventus: “Cristiano Ronaldo? Ha un contratto di un anno ancora. Penso che alla fine vorrà rispettarlo, poi sceglierà un’altra squadra. Credo rimarrà ancora e dovrebbe dare il massimo. Vedremo anche le scelte della società che dovrà decidere se tenerlo o meno”.

Precedente Fiorentina, Diks saluta e va al Copenaghen Successivo Pippo Inzaghi finalmente papà: “Urlo al mondo che presto saremo in tre”

Lascia un commento