Genoa, colpo di Coda: 1-0 al Venezia, Gilardino secondo

GENOVA – Festa Genoa a Marassi, dove la squadra di Alberto Gilardino ha piegato il Venezia nel posticipo 20ª giornata della Serie B. Reduci da tre vittorie e un pareggio, striscia ‘macchiata’ solo dalla sconfitta (di misura) incassata all’Olimpico contro la Roma, i rossoblù la spuntano (1-0) grazie alla rete segnata nel finale dal subentrato bomber Coda (settimo sigillo in campionato) che vale l’aggancio alla Reggina seconda in classifica. 

Genoa-Venezia 1-0: statistiche e tabellino

Riecco Criscito, ci pensa Coda

Immancabile anche al ‘Ferraris’ un minuto di silenzio in ricordo dell’ex sampdoriano Gianluca Vialli (perché in certe occasioni il calcio si unisce e non esistono derby), poi i tifosi di casa celebrano il quinto debutto in campionato con la maglia rossoblù del 36enne Mimmo Criscito, tornato a ‘casa’ dopo la retrocessione dello scorso anno e la breve avventura con i canadesi di Toronto. Inizia la partita con il 4-3-3 dei rossoblù da una parte (panchina per Coda, davanti c’è Puscas con Strootman in regia) e il 3-5-2 dei lagunati dall’altra. Al 21′ prova a pungere il Genoa con Aramu (attento Joronen sul sinistro del grande ex della serata) mentre il Venezia risponde con Crnigoj, che prima a calcia a lato di poco (36′) e poi vede il suo destro deviato sulla traversa dal portiere di casa Martinez (40′). Il Venezia ci crede e chiude il primo tempo in attacco, ma la mira di Haps (innescato da Pierini al 42′) è da rivedere: palla a lato mentre è alta poco (46′) dopo la conclusione di Busio e sporcata in corner da Frendrup. Il risultato non si sblocca e si va al riposo sullo 0-0, poi nella ripresa il Genoa torna padrone del match e dopo un gol annullato per fuorigioco ad Aramu (65′) ci pensa il subentrato Coda (dentro al posto di Puscas) a insaccare su assist di Yalcin (85′), firmando così l’1-0 che al momento porta i liguri in zona promozione diretta. Ancora impantanati in quella più calda invece i lagunari, che restano penultimi insieme al Perugia.

Serie B: la classifica

Serie B: risultati, tabellini e calendario


Precedente Il Chelsea non si ferma più: ecco il prossimo obiettivo Successivo Mourinho e la profezia sull'Arsenal: cosa aveva detto tre anni fa

Lascia un commento