Gattuso-ADL, serve un faccia a faccia per il rinnovo: ecco il perché della pausa

Nessuna questione economica dietro allo slittamento dell’accordo, ma solo un momento di riflessione. Dopo la Supercoppa ci sarà l’incontro con il presidente per sciogliere i rispettivi dubbi

Maurizio Nicita @manici50

11 gennaio – Napoli

Un’attesa concordata, quella fra il Napoli e Rino Gattuso sul rinnovo contrattuale. Il nuovo accordo è stilato, di fatto senza ostacoli di sorta. Nel senso che non c’è una questione economica, ché il tecnico non ha richiesto cifre eccessive o rilanciato. E questo ha favorito il fatto che De Laurentiis togliesse una serie di clausole rescissorie ritenute troppo pesanti dalla controparte. Soddisfatta anche la questione riguardante lo staff, cui Gattuso tiene più di se stesso (basta rivedere com’è finita la storia al Milan per capire che non è un modo di dire). E allora perché le parti non firmano e danno un segnale forte a tutto l’ambiente?

Pausa di riflessione

—  

La risposta è complessa perché entrambe le parti stanno riflettendo e questo può essere anche un approfondimento utile per saldare il rapporto. Il tutto si risolverà con un faccia a faccia De Laurentiis-Gattuso che avverrà dopo la finale di Supercoppa in programma mercoledì 20 a Reggio Emilia contro la Juventus. Non che la conferma dipenda da quel risultato ma si è ritenuto che quello sia il momento giusto per una ulteriore verifica. Gattuso sa bene che la crisi economica porterà a tagliare drasticamente il monte ingaggi e dunque a cedere prezzi pregiati. E non ha paura di lavorare per costruire una nuova squadra, ma chiede al club di rendere pubblici e trasparenti i programmi in modo che poi non si cerchino capri espiatori. De Laurentiis, da parte sua, vuole approfondire col suo allenatore il perché di questa altalena di risultati e rendimento. Se il chiarimento sarà tale non solo si firmerà quel contratto che avrà durata fino al 2023, ma il Napoli definirebbe un progetto preciso e praticabile, anche se probabilmente ridimensionato nelle ambizioni.

Precedente Roma, morto Fabio Enzo: suo il gol vittoria nel derby del 1966 Successivo Davids debutta in Portogallo, ed è subito... espulsione!

Lascia un commento