Gasperini: “Non illudiamoci, in Coppa Italia non sarà come contro la Roma”


21:00

Gasperini, pace con il Papu Gomez

Dopo la lite che portò all’addio del Papu, Gasp e l’argentino si sono ritrovati per mettere fine alla diatriba che durava da tre anni TUTTI I DETTAGLI


20:45

Juve e Atalanta in visita da Mattarella

Prima della finale di Coppa Italia, Juve e Atalanta sono state al Quirinale ospiti di Mattarella TUTTE LE FOTO


20:30

Atalanta-Juve, le statistiche

Con la conquista della finale anche in Europa League, che si disputerà il 22 maggio contro il Bayer Leverkusen a Dublino, per la prima volta nella sua storia l’Atalanta giocherà due finali di due competizioni ufficiali diverse in una singola stagione. La Juventus è sia la squadra che ha disputato più finali (21 prima di questa) nella storia della Coppa Italia sia quella che ha vinto più volte la competizione (14). Più nel dettaglio, i bianconeri hanno sollevato il trofeo in cinque delle ultime sette finali che hanno giocato in Coppa Italia. Massimiliano Allegri potrebbe diventare il primo allenatore nella storia a vincere cinque volte la Coppa Italia – fin qui a quota quattro anche Sven-Göran Eriksson e Roberto Mancini. Gian Piero Gasperini potrebbe diventare l’allenatore più “anziano” a vincere la Coppa Italia: 66 anni e 109 giorni il giorno del match. La Juventus ha realizzato 13 gol in questa stagione della Coppa Italia, l’ultima edizione in cui i bianconeri hanno segnato più reti nel torneo risale al 2001/02 (17). Soltanto due giocatori hanno segnato con la maglia dell’Atalanta in finale di Coppa Italia: Angelo Domenghini (tripletta contro il Torino il 2 giugno 1963) e Ruslan Malinovskyi (una rete contro la Juventus il 19 maggio 2021). Dusan Vlahovic e Federico Chiesa hanno già segnato in finale di Coppa Italia con la maglia della Juventus (il serbo contro l’Inter l’11 maggio 2022, l’italiano contro l’Atalanta il 19 maggio 2021), solo due giocatori bianconeri hanno trovato il gol in due edizioni diverse della finale del torneo: John Charles (1958/59 e 1959/60) e Savino Bellini (1937/38 e 1941/42).


20:15

Atalanta-Juve, i precedenti

Atalanta e Juventus si affrontano in una finale solo per la seconda volta tra tutte le competizioni, dopo quella, sempre in Coppa Italia, vinta dai bianconeri il 19 maggio 2021 al MAPEI Stadium per 2-1, con le reti di Kulusevski e Chiesa per il club piemontese e un gol di Malinovskyi per la Dea. Questa sarà la sesta finale di Coppa Italia nella storia dell’Atalanta. Dopo aver vinto il trofeo nella sua prima finale del torneo nel 1962/63 contro il Torino (per 3-1 con Paolo Tabanelli allenatore), la Dea ha perso tutte le quattro finali successive della coppa nazionale (1986/87, 1995/96, 2018/19 e 2020/21). L’ultimo trofeo vinto dall’Atalanta è stato quello della Serie B 2010/11 con Stefano Colantuono allenatore (1° posto in quel campionato).


20:00

Guardiola, Gasperini e… la Roma

Guardiola ha voluto elogiare l’Atalanta per il percorso in campionato e in Europa League: c’entra anche la Roma TUTTI I DETTAGLI


19:45

Allegri in conferenza stampa

Anche Max Allegri ha parlato in conferenza stampa prima di Atalanta-Juve, con lui Danilo LEGGI TUTTO


19:30

Atalanta-Juve, l’arbitro

Ufficiale la terna arbitrale per la finale di Coppa Italia LEGGI QUI


19:18

Atalanta, termina la conferenza stampa

Termina qui la conferenza stampa di Gian Piero Gasperini e Gianluca Scamacca alla vigilia della finale di Coppa Italia tra Atalanta e Juve.


19:03

Gasperini e le sue Atalante

“Questa Atalanta si è rinnovata quest’anno e può diventare la più forte se saprà ancora migliorarsi e crescere. Avrei voluto andare avanti e renderla ancora più forte, io pretendo sempre molto ma penso che possa scalare ancora una posizione se saprà muoversi come ha sempre fatto. È una squadra giovane sulla quale costruire”.


19:01

Scamacca e la Nazionale

“Se qualcosa ha fatto click? Non lo so, quando entriamo, tutti vogliono fare bene. C’era bisogno di tempo, anche l’esclusione dalla Nazionale mi ha motivato ma la mia motivazione è sempre stata alta. Era solo questione di tempo”.


18:59

Gasperini: “Superare i nostri limiti”

“Se sono nella storia del calcio? Se vinco sono un bravo allenatore, se non la vinci no. Quando vado a Crotone, a Genova vengo accolto benissimo e questo per me vale tutto. Nella vita uno deve sempre superare se stesso, saper superare i nostri limiti significa essere vincenti. Ci sarà sempre qualcuno più bravo ma ognuno vince le proprie battaglie. Credo sia questo il vero segreto”.


18:57

Gasperini, il modello e il futuro

“Modello Gasperini? Non è facile ma è replicabile, abbiamo dato fiducia e speranza a tutte le squadre non di prima fascia ma con idee. La società ha avuto l’opportunità di fare plusvalenze incredibili per poi rilanciarsi: è l’unico modo per società con i nostri numeri per essere competitive. Per questo è molto importante andare in Champions, realizzare cifre per poi reinvestirle. Puoi sbagliare molto poco anche sul mercato perché poi diventa difficile recuperare ma l’Atalanta ha margine, il prossimo anno se raggiungeremo la Champions. Scalvini, Carnesecchi, Ederson, Koopmeiners… Sono cresciuti tanto. Fare squadra e reparto ti rende più competitivo. È questo il succo dell’Atalanta, le risorse te le devi creare. Essere qui significa che anche nel calcio chi non ha certi numeri possa sognare”.


18:53

Gasperini: “La fiducia fa la differenza”

“La fiducia è quello che può fare tutta la differenza, la rifinitura giusta, l’azione in più: è questo che spesso diventa determinante”.


18:52

Scamacca prima della Juve

“Ci sarà la giusta tensione, è una finale ma poi quando scendi in campo trasformi tutto in forza”.


18:51

Gasperini: “Atalanta ha bruciato le tappe”

“Giocare tanto ci ha permesso di bruciare le tappe. Abbiamo sempre stabilito in campo cose che ci siamo portati dietro in campionato e questo ci ha permesso di crescere. Non pensavo di riuscire a raggiungere tutto questo che è merito soprattutto dei ragazzi, che si sono applicati e sono cresciuti tutti. La consapevolezza viene poi giocando, è stata difficile e abbiamo perso qualche punto in campionato ma non era facile mantenere la stessa attenzione. La squadra mi ha dato grande soddisfazione soprattutto dal punto di vista mentale”.


18:49

Scamacca: “Siamo carichi”

“Vedo bene i miei compagni, sono carichi e motivati. Sono sicuro che daranno il massimo per portarla a casa”.


18:48

Gasperini: “Già quasi un trofeo”

“Bergamo sta vivendo un momento bellissimo, quello che abbiamo fatto fin qui è già quasi un trofeo. A volte si vincono coppe e scudetti che quasi non si festeggiano, questa partecipazione con la squadra sappiamo che resterà sempre legata alla storia dell’Atalanta. Poi faremo di tutto per portarla a casa”…


18:47

Scamacca su Bergamo e la Coppa

“Guardo la Coppa perché è bella, spero di poterla guardare più da vicino domani. A Bergamo sto molto bene, non mi sono mai trovato così bene in una squadra”.


18:45

Gasperini e la Roma

“Non illudiamoci che possa essere una partita come quella contro la Roma, ogni partita fa storia a sé. Mi dispiace per Gianluca che salterà la finale, forse dovremmo adeguarci a quello che succede in Europa: nel conto di una stagione ci può stare arrivare in finale carichi di diffide con una piccola ammonizione che può far saltare la partita. Spero che sapremo arrivare alla Juve con lo stesso spirito che avevamo contro la Roma. Se sapremo mettere questo avremo più chance”.


18:43

Scamacca su Spalletti

Le parole di Spalletti fanno piacere e sono uno stimolo per continuare a fare bene. Il mio obiettivo è sempre stato fare bene con l’Atalanta e riuscire a scrivere la storia”.


18:40

Gasperini ricorda la prima finale di Coppa Italia

“Sono passati 5 anni dalla mia prima finale, abbiamo cambiato tanto da allora ma è sempre stata una squadra con forte motivazione e spirito, una forte identità. Questo gruppo ha bruciato le tappe, la cosa più importante per me è che l’Atalanta sia riuscita a posizionarsi in una fascia che le permetta di giocare sempre partite così. Il desiderio di migliorarsi è costante”.


18:38

Scamacca e il potenziale dell’Atalanta

“Dentro di noi abbiamo sempre saputo di avere un grande potenziale e forza, poi partita dopo partita siamo riusciti a esprimere tutto al meglio”. Così Scamacca in conferenza stampa. “Mi dispiace tantissimo non giocare quella che sarebbe stata la prima finale della mia carriera ma sono qui per stare vicino ai miei compagni: il gruppo è la prima cosa”.


18:37

Gasperini e le parole di Guardiola

“Le parole di Guardiola? È un amico e lo ringrazio. Le partite che abbiamo affrontato in questa stagione hanno dato consapevolezza alla squadra, domani incontriamo una squadra di assoluto valore. Liverpool, Marsiglia, Sporting… Ci hanno dato forza, anche la partita con la Roma dell’altra sera. Ci ha tolto qualcosa giocare con queste big ma ne dà tante positive. Il merito è di questi giocatori che hanno mantenuto volontà e forza morale incredibile per giocare tutte queste partite ininterrottamente da febbraio. In Serie A sono tutte partite difficili”.


18:34

Gasperini: “Liverpool ci ha dato consapevolezza”

“Con il Liverpool la svolta? In EL sì, abbiamo sempre avuto percorsi differenziati cercando di giocare sempre tutto al massimo. La partita di Liverpool ci ha dato la consapevolezza di poter arrivare in finale”.


18:33

Gasperini prima di Atalanta-Juve

“La Coppa Italia è l’unico trofeo possibile per una società come l’Atalanta: Champions e scudetto pensavo fossero troppo distanti dalle nostre possibilità. Non sono andate bene ma noi siamo testardi. Era difficile pensare anche a una finale di Europa League ma questi ragazzi sono stati splendidi, percorso straordinario. Abbiamo intenzione di conquistare la finale”. Inizia così Gasperini in conferenza stampa prima di Atalanta-Juve.


18:32

Gasperini e Scamacca in conferenza stampa

Tra pochissimo inizierà la conferenza stampa di Gian Piero Gasperini e Gianluca Scamacca.


18:30

L’intervento di Allegri al Quirinale

Mi permetta presidente di condividere con lei e con i nostri avversari una breve riflessione legata alla mia esperienza in questi anni da allenatore e all’insegnamento quotidiano ricevuto dai miei giocatori, la consapevolezza che nel processo di crescita di una squadra ci sono due elementi essenziali: la forza del gruppo e la voglia di raggiungere obiettivi condivisi anche davanti alle difficoltà”. Sono le parole di Massimiliano Allegri, durante il suo intervento al Quirinale dove il presidente della Repubblica Mattarella ha ricevuto le due finaliste di Coppa Italia. “Come amo ripetere spesso ai nostri ragazzi che indossano la maglia della Juve, sono fondamentali la dedizione costante al raggiungimento degli obiettivi, il lavoro quotidiano fatto di tanto sacrificio, e la voglia di migliorare per dare tutto quello che abbiamo, ottenendo il massimo senza troppe parole e senza clamori, ma con molta concretezza”. Da Allegri “l’auspicio che lo spirito di squadra che ci guiderà nella sfida di domani possa essere anche solo in minima parte fonte di ispirazione per tutti coloro che vedono nei valori dello sport uno stimolo a vivere giorno per giorno per migliorarsi”.


18:15

Atalanta, i convocati di Gasperini

Gasperini ha convocato 21 giocatori dell’Atalanta per la finale di Coppa Italia contro la Juve. Questo l’elenco completo: Adopo, Bakker, Bonfanti, Carnesecchi, De Ketelaere, de Roon, Djimisiti, ederson, Hateboer, Hien, Koopmeiners, Lookman, Miranchuk, Musso, Pasalic, Rossi, Ruggeri, Sclavini, Toloi, Touré, Zappacosta. Con la squadra ci saranno anche Holm, Kolasinac e Scamacca nonostante non siano disponibili per la sfida di domani sera.


18:10

Coppa Italia, il trofeo a Roma

È partito oggi alle 10.20 dalla Stazione Centrale di Milano il viaggio del trofeo della Coppa Italia Frecciarossa, arrivato a Roma Termini in perfetto orario alle ore 13.40. A bordo del Frecciarossa 1000, ad accompagnare la coppa che Atalanta e Juventus si contenderanno allo stadio ‘Olimpico’, tanti Ambassador e Legend di Lega Serie A: Massimo Ambrosini, Cristian Brocchi, Ciro Ferrara, Alessandro Matri, Giampaolo Pazzini, Fabio Quagliarella, Andrea Ranocchia, Glenn Stromberg, Luca Toni, Christian Vieri, Cristian Zaccardo, Gianluca Zambrotta. Ad attenderli al binario 1 della Stazione di Roma erano presenti Bernardo Corradi, Luigi Di Biagio, Dario Marcolin, Christian Panucci, David Pizarro, Francesco Totti. Dopo le foto di rito con la Coppa Italia Freciarossa, si è tenuta la consueta conferenza stampa, alla quale hanno partecipato il Direttore Business Alta Velocità Trenitalia Pietro Diamantini, l’Amministratore Delegato di Lega Serie A Luigi De Siervo e le leggende di Atalanta e Juventus Glenn Stromberg e Ciro Ferrara.


18:00

Gasperini a Mattarella: “Atalanta manifesto di meritocrazia”

“È per noi un onore e motivo di grande orgoglio essere ricevuti da lei, perché questo momento conferisce ancora più lustro all’atto finale di una competizione di assoluta rilevanza nel panorama calcistico italiano e non solo. Noi come club lo sappiamo bene avendone vinta una nel 1963. Oggi è una competizione ancora più grande prestigio, perché riconosce alle due finaliste la partecipazione alla Supercoppa in Arabia Saudita. Questa per noi è la terza finale negli ultimi cinque anni, un risultato straordinario per un club di provincia come il nostro. Ma anche per Bergamo e i tifosi bergamaschi, che ci seguono sempre con affetto in Italia e in Europa. Domani occuperanno tutti i posti a loro riservati allo stadio Olimpico”. Così l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini nel suo discorso al Quirinale dinanzi al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “È un altro motivo di orgoglio per noi, tanto quanto i risultati ottenuti negli ultimi anni che devono essere il manifesto che la meritocrazia possa, anzi debba, essere un principio da tutelare e proteggere sempre. La nostra speranza è che la finale di domani, cui seguirà quella di Europa League a Dublino, sia diverso dalle precedenti due. La certezza invece è che sarà una grande partita, in cui sia noi che la Juventus cercheremo di onorare il buon nome del calcio italiano. Grazie ancora per questo momento a noi dedicato e viva il calcio italiano”, ha aggiunto.


17:50

Gasperini e Scamacca in conferenza stampa

Tra poco, dalla sala stampa dello Stadio Olimpico, Gasperini interverrà in conferenza stampa insieme a Scamacca. Il tecnico andrà a giocarsi la sua terza finale di Coppa Italia in cinque anni, dopo quelle perse contro Lazio (2018-2019) e Juve (2020-2021).


Roma, stadio Olimpico, sala stampa

Precedente Allegri prima della finale di Coppa Italia: "L'obiettivo era la Champions", rivivi la diretta Successivo Ministro della Difesa eletto a Corto Muso: Allegri al Quirinale diventa virale

Lascia un commento