Gascoigne: “Sono sempre stato alcolizzato. Ma una cosa non avrei dovuto dirla”

Il calcio, le dipendenze, ma anche l’amore per i figli. Paul Gascoigne non è un personaggio banale e la sua partecipazione all’Isola dei Famosi lo ha dimostrato.

Paul Gascoigne, ex calciatore inglese, sta per compiere 54 anni: “Un traguardo, calcolando la mia rocambolesca esistenza. A conti fatti non mi pento di nulla e non ho alcun rimpianto anche perché nella mia vita, ho sempre fatto tutto quello che volevo”. Ai microfoni di Chi ha raccontato di aver sottovalutato l’Isola dei famosi, dove è rimasto per 39 giorni, prima che un infortunio alla spalla lo obbligasse a ritirarsi: “È stata un’avventura totalizzante. Bella, ma molto difficile. Ho accettato senza ragionare minimamente su quello a cui sarei andato incontro. Avevo bisogno di distrarmi dopo il terribile anno vissuto per via della pandemia e soprattutto volevo far conoscere a tutti il vero Paul. La mia infanzia? Sono stato un bambino iperattivo. Ho sempre giocato a calcio”.

Tempo fa, Paul Gascoigne ha rilasciato un’intervista nella quale si era espresso molto duramente nei confronti del padre John, a cui diede una testata sul letto di morte: “Una confidenza che non avrei mai dovuto fare. Una dichiarazione irrispettosa e troppo personale”. E poi ancora sui problemi di alcolismo: “Sono sempre stato alcolizzato. È un disagio con il quale ho convissuto per tanto tempo e per il quale, molto probabilmente, combatterò chissà per quanti anni ancora”. Alle accuse della moglie Sheryl non ha voluto rispondere, ma per i tre figli prova un sentimento fortissimo:“Li amo indistintamente, loro sono il mio tutto”. Il figlio Regan ha fatto coming out in tv, rivelando di essere bisessuale. “Sono sempre stato orgoglioso di lui e lo sarò sempre. Il coraggio di essere se stesso me lo fa amore ancora di più”, ha dichiarato l’ex centrocampista a Chi. E sul presente/futuro Paul aggiunge: “Spenderò tutto. Tanto i soldi non si potranno mai portare nell’aldilà”.

Precedente La Sampdoria torna ad allenarsi: c'è Ramirez Successivo L'Europeo perde una stella. Reus spiega: "Difficile rinunciare ma..."

Lascia un commento