Galliani: “Saremmo stati ancora al Milan, ma quel gol di Muntari…”

Adriano Galliani AC MilanAdriano Galliani AC Milan

Milan, i ricordi di Galliani, tra Champions e … cessione societaria

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWSAdriano Galliani, ex amministratore delegato del Milan, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano ‘Libero‘ oggi in edicola. Queste le dichiarazioni più interessanti di Galliani.

Sulla finale di Champions League del 2005 a Istanbul: “Partita incredibile, che abbiamo dominato tranne per i sei minuti in cui ci hanno fatto tre gol, i quali peraltro sarebbero stati inutili se l’arbitro non avesse annullato, per un fuorigioco inesistente, una rete di Andriy Shevchenko, al quale poi il portiere inglese ha parato con la testa una bomba da due metri. Però è una partita secca, può capitare. Istanbul è solo il secondo grande rimpianto, anche perché ci siamo rifatti due anni dopo, quando meritava il Liverpool ma abbiamo vinto noi con un gol di schiena di Filippo Inzaghi”.

Sul suo vero rimpianto rossonero: “Il gol, regolarissimo, annullato a Sulley Muntari in Milan-Juventus del febbraio 2012. Avremmo vinto il secondo Scudetto consecutivo con Massimiliano Allegri e sarebbe cambiata la storia. Se l’arbitro Paolo Tagliavento avesse convalidato quella rete, avremmo vinto lo Scudetto, non avremmo ceduto Zlatan Ibrahimović e Thiago Silva, due campioni che, a distanza di nove anni, ancora giocano ai massimi livelli”.

Su cosa sarebbe successo a quel punto: “Saremmo potuti ripartire con il quarto grande Milan; soprattutto se mi avessero lasciato concludere l’acquisto di Carlos Tévez. Se fosse andata come dico io magari non avremmo venduto e forse oggi saremmo ancora lì. Invece Carlito l’ha preso la Juventus, che con lui ha vinto tre Scudetti di fila”.

Su Andrea Pirlo: “L’abbiamo ceduto troppo presto, è vero. Da allenatore? È un predestinato. Sa tutto del calcio e si applica. Non fallirà”.

Su chi vincerà il campionato di Serie A 2020-2021: “Il campionato quest’anno è una lotteria. Vince chi ha meno CoVid_19. Ogni giorno è un bollettino di guerra”.

IL MILAN VOLA, ELLIOTT AIUTA: NUOVO BUDGET >>>

<!–

–> <!–

–>

Precedente Lazio, un aereo senza pace. Aeroporti di Roma: "Violate le regole" Successivo Roma, Mkhitaryan e la sua collezione: 18 doppiette e 6 triplette