Gaetano e Zerbin in aria di prestito, tutte le strade dei due gioiellini del Napoli

Entrambi hanno incantato in Serie B la scorsa stagione e il club sta valutando la migliore opzione per favorire un’ulteriore crescita a un livello superiore

Ne resterà soltanto uno, forse. Potrebbe essere il titolo di un film e magari a produrlo potrebbe essere Aurelio De Laurentiis che quest’anno ha ringiovanito il suo Napoli ma è da sempre convinto che i calciatori di proprietà del club azzurro debbano giocare per crescere.

Concorrenza

—  

È il caso di Gianluca Gaetano e Alessio Zerbin, che sono maturati rispettivamente a Cremona e Frosinone e sono stati richiamati alla base quest’estate. Entrambi stanno facendo bene in ritiro a Castel di Sangro ma gli spazi in organico sembrano essere abbastanza ridotti ed allora – come detto – potrebbe restarne soltanto uno perché casualmente i due giovanotti rischiano di finire in concorrenza. Nel 4-3-3 di Spalletti, infatti, ad oggi Gaetano è dietro ai titolari (Anguissa-Lobotka-Zielinski) ma anche alle riserve (Ruiz-Demme-Elmas) e quindi sembrerebbe tagliato fuori (ecco perché la Cremonese pressa per riaverlo in prestito) mentre Zerbin dovrebbe rappresentare l’alternativa naturale a Kvaratskhelia sulla fascia sinistra d’attacco.

Solbakken prenotato

—  

Spesso però – sia in allenamento che in amichevole – Elmas è stato spostato all’ala mancina e così Zerbin è “retrocesso” terzino a destra in alternativa a Di Lorenzo. Lì, però, c’è l’altro giovane Zanoli e quindi anche Zerbin sembra chiuso tenendo conto inoltre che il Napoli ha prenotato per gennaio Solbakken. Così, per Zerbin potrebbero presto farsi sotto un paio di club di A alla ricerca di un esterno, magari gli stessi (Salernitana e Bologna) che hanno manifestato mettesse per Ounas (in scadenza 2023). Se Zerbin va, ed Elmas trasloca sull’esterno, allora Gaetano resta… ma se arriva Raspadori e si passa al 4-2-3-1 tutto può cambiare ed anche Gaetano potrebbe partire.

Precedente Da De Ketelaere a Dybala, l'affare è giusto? Lo dice il radar Successivo Chi è Yildiz, il super teenager che la Juve ha soffiato a Bayern e Barça

Lascia un commento