Gabbia: “Pioli ha fiducia in me. Ibra? Un esempio per noi”

Matteo Gabbia, difensore centrale del Milan, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di “Przegląd Sportowy”. Ecco cosa ha detto

Salvatore Cantone

15 gennaio – MILANO

Matteo Gabbia, difensore del Milan, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di “Przegląd Sportowy”. Ecco cosa ha detto: “La mia crescita? “Posso dire di essere più consapevole, dentro e fuori dal campo. Sono cresciuto come calciatore e come persona. Sono però convinto di poter migliorare ulteriormente le mie qualità e diventare un calciatore più completo”.

Sui nonni di Gabbia: “Importanti per la mia carriera? Decisamente sì. Sono appassionati di calcio e tifosi del Milan. Da bambino andavo in pullman a San Siro insieme a loro e a mio cugino per vedere le partite. Sono nato a Fagnano Olona, ​​paese poco distante da Milano. L’ho fatto ogni fine settimana. Poi, da adolescente, sono andata all’Accademia di Milano. Ho realizzato il mio sogno e il loro”.

Sul numero di maglia 46: “Il 1946 è l’anno in cui è nata mia nonna. Ha influenzato me e la mia passione. Sono fortemente legato a lei. Anche mio padre è tifoso del Milan, mentre mia madre è meno interessata al calcio”.

Sull’inizio del 2022: “Abbiamo dimostrato, ancora una volta, di essere forti. Abbiamo ottenuto tre vittorie di fila e giocato delle belle partite. Considerando la trasferta vinta contro il Venezia, ricordo che allo stadio “Penzo” la Roma ha perso e la Juventus ha pareggiato. Abbiamo fatto il nostro lavoro, ma non è stato facile. Abbiamo mantenuto il nostro posto in prima linea. Inoltre, voglio sottolineare che non siamo mai stati sbilanciati, soprattutto nel periodo in cui abbiamo segnato solo con Genoa e Salernitana. Ci siamo sempre concentrati sulla correzione degli errori per non ripeterli”.

Sugli obiettivi del Milan: “Il club è ambizioso. La vittoria di un trofeo completerebbe il processo di crescita iniziato due anni fa. Faremo del nostro meglio per realizzarlo. Dobbiamo lavorare come abbiamo fatto finora”.

Su Stefano Pioli: “Tatticamente, tutti possono vedere come ci presentiamo in campo. Tutti i giocatori si sentono importanti, questo è il principale contributo dell’allenatore. Ricordo che quando giocavo poco, Pioli mi coinvolgeva in tutte le faccende di squadra, mi dava consigli, si fidava di me. Sentivo che era vicino a me. Lo ringrazierò sempre per questo”.

Su Ibrahimovic: “A Manchester ho girato l’Old Trafford. Nello spogliatoio mi sono fatto una foto davanti alla maglia di Zlatan. Dopo qualche anno lo svedese è diventato il mio compagno di squadra. Mi sembrava impossibile! Guardo sempre come si prepara per la partita, come si allena. È sempre concentrato. È esigente con se stesso, ha alzato il nostro livello. Lui è un esempio per noi”.

Sui suoi compagni di difesa: “Kjaer è il capo. Sa cosa dire in ogni momento della partita e della stagione. Ora è infortunato. Gli auguro il meglio. Tomori è potente e veloce. È un grande calciatore. Kalulu ha le stesse caratteristiche di Tomori. Romagnoli è un difensore intelligente. Sa sempre come comportarsi in ogni situazione di gioco”.

Sulla difesa a tre e a quattro: “Meglio a tre o a quattro? Entrambe le impostazioni. Adesso utilizziamo il 4-2-3-1, ma iniziamo l’azione dalle retrovie con tre difensori”.

Sul nuovo San Siro: “Speriamo che in futuro il Milan abbia una propria struttura. Questo sarebbe un passo molto importante per lo sviluppo del club”. Intanto ecco il difensore in pole position.

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di

Precedente Milan, attacco al massimo: Giroud trascina, ora tocca a Ibrahimovic Successivo Quando avere le visioni porta a scoprire talenti: viaggio tra i segreti degli scout

Lascia un commento