Friedkin: "Mourinho grandissimo. Contenti che sia alla Roma"

Lo Special One lo ha conquistato. Con il suo lavoro, ma anche con il suo carattere. Di dubbi a riguardo ce n’erano pochi perché José Mourinho, con i risultati ottenuti,  l’abilità nel gestire lo spogliatoio e  la personalità da leader ha fatto “innamorare”… calcisticamente diversi dei proprietari che lo hanno in- gaggiato: Da Pinto da Costa (Porto), Abramovic (Chelsea), Moratti  (Inter), ma anche Florentino Perez  (Real Madrid) e la famiglia Glazer (Manchester United). Anche se, va detto a onor del vero, con Don Florentino e i magnati americani la passione è stata meno intensa. Adesso alla lista va aggiunto Dan Friedkin, il presidente della Roma che, con un colpo di genio e un’operazione magistralmente condotta insieme al ds Tiago Pinto,  lo ha portato all’ombra del Colosseo. L’imprenditore californiano è uomo di poche parole, almeno con i media. Nella Capitale le uniche sue dichiarazioni sono state quelle contenute nei comunicati emessi  in occasione dell’acquisto della società e dell’ingaggio del profeta di Setubal, ma la sua voce tra i giornalisti fi no a ieri non l’aveva sentita praticamente nessuno. Perché Friedkin senior è schivo e non ama  la luce dei riflettori. Nella lussuosa cornice dell’hotel President Wilson di Ginevra, invece, un briciolo si è lasciato andare mostrando la sua  soddisfazione per la scelta fatta a  inizio maggio, quando ha affidato la squadra a José.

Dan Friedkin su Mourinho

Diversi tra i dirigenti presenti alla ventiseiesima assemblea generale dell’Eca sono stati sorpresi nel vederlo, ma il numero uno giallorosso non poteva  mancare dopo che era stato nominato (in quota Eca) membro del Board of Administration dell’Uefa Club Competitions SA, una sorta di comitato “strategico” che non si concentra su temi di campo bensì sul “business”, e di conseguenza aveva avuto anche un posto nel Board dell’Eca. Friedkin è arrivato intorno  all’ora di pranzo con uno degli aerei della sua flotta («Ai comandi c’ero io come sempre» ha confermato sorridendo) e si è seduto nelle prime file  della sala riservata all’assemblea ricevendo il benvenuto dal presidente Al Khelaifi  («Mi congratulo con i nuovi membri del consiglio nominati a giugno: Dan Friedkin dellaRoma, Fernando Carro del Bayer  Leverkusen e Oleg Petrov del Monaco»).

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

MisterCalcioCup, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Lazio: caso tamponi, Lotito a giudizio chiama rinforzi Successivo Lazio, processo tamponi: ora Lotito gioca la partita più difficile

Lascia un commento