Fonseca: “Mi è piaciuto tutto. Bene Borja Mayoral, diamogli tempo”

ROMA – Paulo Fonseca è soddisfatto della sua Roma, che ha annientato il Cluj in Europa League con un perentorio 5-0 e non ha subito gol per la terza gara consecutiva: “Mi è piaciuto tutto – dice ai microfoni di Sky – è sempre importante non prendere gol. Sembra che sia stata una partita facile, ma il Cluj è una squadra che viene da tre campionati rumeni vinti. Abbiamo fatto una partita molto seria, se giochiamo così le cose sono più facili, mi è piaciuta tutta la squadra“.

Fonseca si coccola Borja Mayoral

Primi gol giallorossi per Borja Mayoral, arrivato in estate dal Real Madrid: “E’ giovane, dobbiamo dargli tempo per adattarsi, ma sono contento che abbia fatto due gol. E’ buono per la sua fiducia – dice Fonseca – per questa partita l’ho affiancato a Mkhitaryan; per Borja giocare con un altro attaccante è stato importante, è stato il sistema corretto per questa gara, ha fatto una buona partita come Mkhitaryan e Pedro”. Sulla prestazione della difesa, che non ha preso gol, Fonseca dice: “La squadra è difensivamente sicura, abbiamo cambiato giocatori ma quello che è importante è che non cambiano le nostre intenzioni”. Nel finale anche la rete di un giocatore di livello come Pedro: “Mi aspettavo un grande professionista, è un giocatore diverso che sta aiutando molto la squadra. E’ importante avere un giocatore con questa intensita’“. C’è stato spazio anche per l’esordio del 18enne Tommaso Milanese: “Il risultato ha permesso di dare un’opportunità a questo ragazzo. La Primavera sta facendo risultati importantissimi, abbiamo 2-3 giocatori che lavorano con noi regolarmente“. Infine su Cristante, possibile rifinitore dietro le punte, Fonseca ha concluso: “Può giocare in questa posizione, ma in questo momento abbiamo 2-3 centrocampisti più offensivi. Lui in questo momento è forte nell’appoggio del difensore centrale, ma lui può giocare anche lì“.

Precedente Maldini: "I rinnovi? Ogni settimana è buona, Ibra è speciale" Successivo Serie B, Spal-Salernitana: tra assenze pesanti e voglia di A

Lascia un commento