Fonseca: “Dzeko verrà a Verona. Smalling? Sono fiducioso: lo aspettiamo a Roma”

Il tecnico giallorosso tra l’esordio in campionato e il mercato: “Ci manca qualche giocatore, ma sposo la linea giovane della società”

Dzeko ci sarà anche se forse partirà dalla panchina, Smalling è atteso a Roma nei prossimi giorni, Karsdorp lo ha convinto ed è stato tolto dal mercato e Pau Lopez rischia fortemente di andare in panchina. La prima conferenza stampa dell’anno di Paulo Fonseca mette sul banco tanti temi diversi, anche se tutti finalizzati allo stesso obiettivo: partire subito con il piede giusto, provando a vincere la gara di domani sera contro il Verona. “Una squadra contro cui è difficile giocare, visto che marcano forte a uomo su tutto il campo – dice l’allenatore portoghese –. In questo primo anno ho imparato molto dal calcio italiano, in particolare contro club come il Verona. Negli altri tornei non ci sono molte squadre che giocano così a uomo. Dovremo essere bravi ad adattarci, ma penso che la scorsa stagione contro di loro siamo riusciti a fare due buone gare, vincendole entrambi. Sarà una gara diversa dalle altre, soprattutto dal punto di vista del possesso palla, dovremo essere bravi soprattutto nel momento in cui si recupera il pallone”.

le scelte

—  

Ed allora, poi, via alle scelte. A breve e medio e termine. “Vedremo chi giocherà domani centravanti. Se ci guadagniamo dallo scambio Dzeko-Milik? Inutile parlarne ora, perché Dzeko è ancora un nostro giocatore e sarà con noi a Verona”. Dove l’altro grande dubbio è in porta, con Fonseca che da qualche giorno pensa di poter lanciare Mirante al posto di un deludente Pau Lopez. “Vedremo domani”, glissa anche qui il portoghese. Un passaggio, però, che già di per sé dice tanto rispetto al cambio delle gerarchie dei portieri. Kumbulla, invece, probabilmente partirà dalla panchina. “E’ arrivato da pochi giorni, non è completamente pronto per iniziare, deve ancora capire bene come giochiamo, che è un modo diverso da ciò che faceva a Verona. Non avessi altri difensori centrali, magari lo impiegherei anche, ma così non è facile… Ma sono soddisfatto di lui, mi sembra un ragazzo molto intelligente, ha già capito quasi tutto ciò che gli ho detto”. Esattamente come è soddisfatto di questo mercato giallorosso: “Sì, anche perché questo non è un mercato facile, c’è poco tempo, ma stiamo lavorando tutti insieme per trovare le soluzioni migliori. Ci manca qualche giocatore e poi dobbiamo risolvere la questione di quelli che devono uscire. Ma sono d’accordo con l’idea della società di sposare la linea giovane. Anche perché in squadra abbiamo già giocatori di esperienza, possiamo fare un buon mix”.

Tra Chris e Rick

—  

Poi spazio alla difesa. Domani sarà a tre o quattro? “Siamo pronti per entrambi i sistemi, anche a cambiare in corsa”. Con una linea difensiva, però, che presto spera di arricchirsi con il ritorno di Smalling. “Sono ancora fiducioso che possa arrivare, stiamo lavorando per averlo con noi. Sono sempre in contatto con Chris, ci ho parlato anche ieri: lui ha voglia di tornare e noi lo rivogliamo, penso che nei prossimi giorni possa arrivare”. Infine Karsdorp, che domani sarà titolare. Ma, soprattutto, sarà ancora un giocatore della Roma per tutto l’anno calcistico, nonostante le trattative saltate in extremis con Atalanta e Genoa: “La sua domani non è una soluzione d’emergenza, perché Rick resterà con noi tutto la stagione. Abbiamo fiducia in lui, questa settimana ha lavorato molto bene. Lui e Spinazzola domani saranno molto importanti, contro una squadra che sa sfruttare molto bene le fasce”.

Precedente Calciomercato Juventus, tra Suarez e Dzeko spunta il ritorno di Morata Successivo Dzeko-Juve, scusate il ritardo. Un corteggiamento lungo 10 anni

Lascia un commento