Florenzi, Under e Olsen in vendita: così la Roma cerca 30 milioni per Xhaka

Il regista dice sì ai giallorossi, adesso servono i bonus per l’ok dell’Arsenal

A pensarci bene, è un po’ come nelle storie d’amore (almeno quelle lecite). Per corteggiare esplicitamente qualcuno, bisogna lasciare qualcun altro. Funziona così anche nel calcio, soprattutto quando occorre far quadrare i conti. Per questo la Roma, avendo necessità d’investire sul mercato, sta cercando divorzi “convenienti”, sfruttando anche l’occasione offerta dalla vetrina europea. D’altronde, il primo obiettivo è chiaro: Granit Xhaka, 28 anni, centrocampista dell’Arsenal e della Svizzera, per cui la trattativa è già in corso da giorni. Per stringere in fretta, però, c’è bisogno di avere la ragionevole certezza di poter contare su un tesoretto.

Vetrina Europeo

—  

L’occasione offerta dall’Europeo, quindi, è da non perdere, soprattutto per quello che riguarda tre giocatori di proprietà del club giallorosso e che la dirigenza ha intenzione di cedere. Parliamo di Robin Olsen, portiere della Svezia, Alessandro Florenzi, terzino azzurro, e Cengiz Under, attaccante della Turchia. Il primo è rientrato dal prestito all’Everton, che ha deciso di non riscattarlo, il secondo è di ritorno dal Psg (piace a Inter e Juve), mentre il terzo rientra dal prestito al Leicester (e ha detto no Fenerbahce). Tenendosi bassi, la Roma vorrebbe ottenere dal terzetto almeno 30 milioni (5 più 10 più 15), a cui aggiungere anche quei 7-8 che potrebbero arrivare dal Rennes per l’acquisto di Nzonzi. Ma se il francese, campione del Mondo, è uscito fuori dal giro della sua nazionale, gli altre tre hanno una grande manifestazione per mettersi in mostra.

Quadriennale

—  

D’altronde c’è bisogno di soldi per convincere l’Arsenal a cedere Xhaka. La prima offerta di 15 milioni è stata ritenuta insufficiente davanti a una richiesta di 25, ma è possibile che ci si incontri a metà strada, sfruttando i bonus che la società giallorossa può mettere sul piatto a seconda degli obiettivi raggiunti. Ma la Roma ha anche un asso da giocare: la volontà del giocatore di trasferirsi alla corte di Mourinho, con cui ha già avuto dei contatti informal. Per questo la definizione dell’accordo col centrocampista svizzero (ma di origine albanese) non sarà affatto un problema. Si parla già, infatti, di un quadriennale da circa 2,5 milioni (più ricchi bonus), che accompagnerebbe il giocatore fino ai 32 anni. Il regista, tra l’altro, avrebbe anche una promessa da parte dell’Arsenal, cioè quella di essere “liberato” a cifre accessibili qualora fosse arrivata un’offerta di suo gradimento. E questa offerta adesso è arrivata.

Rui e Azmoun

—  

Come si vede, comunque, non tutto il tesoretto verrebbe speso per Xhaka, ma gli obiettivi sono molteplici. Se per la porta – oltre alla trattativa per Rui Patricio – si stanno valutando anche altre occasioni, magari in attesa di “usati sicuri” in stile Szczesny e Lloris (oltre a profili come quello di Livakovic della Dinamo Zagabria), per l’attacco occhio a nomi già usciti, ma non molto pubblicizzati. Fra questi, c’è anche quello di Azmoun, dello Zenit San Pietroburgo, che ha il contratto in scadenza il prossimo anno. Morale: c’è bisogno che gli esuberi della Roma si mettano in vetrina. I Grandi Amori, d’altronde, nascono e finiscono in fretta.

Precedente Anche il Chelsea su Hakimi. Ma l’Inter vuole soltanto cash Successivo Lazio: Immobile, Acerbi e Jordan Lukaku tra giostre e supercar verso Euro 2020

Lascia un commento