Fiorentina, Ribery sprinta: vuole esserci con l’Udinese

FIRENZE – Leader, sempre e comunque. Anche nel giorno libero, perché Franck Ribery pur di tornare in campo il prima possibile mettendo in un angolo il fastidio muscolare che lo ha frenato a poche ore dalla gara contro l’Inter il 5 febbraio, si allena pure da solo. Non è certo la prima volta, aveva già stupito tutti varcando le porte del centro sportivo all’alba, ma stavolta a colpire è la foga con cui ripete gli esercizi in palestra. Ha documentato tutto attraverso le storie sul suo account Instagram, mostrando il work-out domenicale tra addominali, trazioni alla sbarra, corsa sul tapis-roulant e poi massaggi defaticanti. Oggi sarà rivalutato dallo staff medico per capire se potrà tornare a lavorare insieme al resto del gruppo, senza correre inutili rischi. Ribery è troppo importante per la squadra, non si potrà sbagliare nulla, tantomeno nella gestione del calciatore.

La Fiorentina torna a sorridere: tris allo Spezia e Italiano ko

Guarda la gallery

La Fiorentina torna a sorridere: tris allo Spezia e Italiano ko

Riflessioni

Intanto, saranno queste le settimane delle riflessioni. Franck ha il contratto con scadenza a giugno e c’è da capire che cosa accadrà del suo domani. A Torino, dopo il gol contro i granata passò… la parola alla società – «Dovete parlare con la dirigenza, io sono a disposizione» -, ma in questo momento la priorità di tutto il gruppo è focalizzata sul campo e su una salvezza da archiviare quanto prima. Di sicuro, il club di Commisso non potrà sottovalutare nulla, perché sulle tracce del francese c’è il Monza.

Prandelli: "Castrovilli e la sua reazione? Sarà un monito anche per altri"

Guarda il video

Prandelli: “Castrovilli e la sua reazione? Sarà un monito anche per altri”

Fascino Rib-Eng

Lo ha “confessato” il ds dei brianzoli Antonelli, ammettendo che sì «Franck è uno dei sogni per il prossimo mercato, è legittimo pensare ad un colpo del genere di ottica Serie A» mentre a raccontare virtù e segreti del club ci potrebbe pensare proprio Boateng. I due si erano conosciuti, da avversari, in Bundesliga, con Franck nel Bayern e Kevin-Prince diviso tra Dortmund, Schalke e Eintracht, poi si erano divertiti a formare la Rib-Eng a Firenze, accoppiata tanto vincente fuori dal campo quanto purtroppo poco efficace sul rettangolo verde anche a causa dell’infortunio alla caviglia dell’ex Bayern che la passata stagione lo ha visto finire dritto sotto i ferri […]

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Precedente Cagliari, c'è Semplici per la missione salvezza Successivo PDF Editor GRATIS su Microsoft Store al posto dei 19.99€ normalmente richiesti!

Lascia un commento