Fiorentina-Maccabi Haifa, rischio porte chiuse: si temono attentati

Cresce il rischio porte chiuse per la gara di ritorno di Conference League fra Fiorentina e Maccabi Haifa, in programma giovedì 14 marzo allo stadio Artemio Franchi. La sfida, che avverrà dopo l’andata del 7 marzo a Budapest, è a forte rischio per paura di minacce e attentati legati al conflitto tra Israele e Palestina. Il Maccabi gioca da tempo su un campo neutro, ma potrebbe non bastare.

Fiorentina-Maccabi: rischio porte chiuse

L’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, infatti, ha invitato Lega e Figc “ad interessare la società organizzatrice affinché non sia avviata la vendita dei tagliandi”. La Fiorentina aspetterà la decisione nei prossimi giorni, prima di decidere per l’apertura degli acquisti dei biglietti ai tifosi viola. Sulla questione interrverrà anche il Ministero dell’Interno, per approfondire eventuali rischi. Non sarebbe la prima volta che le pressioni legate al Maccabi Haifa provocano una partita a porte chiuse: anche il Gent giocò senza spettatori per motivi di sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Sarri impazzisce dopo l'espulsione di Pellegrini: mani in testa e occhiali persi. E a Pioli... Successivo Pioli: "Andiamo a prendere la Juve. Espulsione Pellegrini? Ingenuo..."