Fiorentina, caso Gonzalez: cosa succede

È bastata una sera a cena, a pochi passi da Ponte Vecchio, per mettere (forse) la parola fine a quello che rischiava di trasformarsi nell’ennesimo tormentone di mercato viola. Nico Gonzalez e la Fiorentina, dopo le tensioni e le frecciate delle scorse settimane, sono tornati finalmente a parlarsi e tra le parti è di nuovo scoppiato l’amore. Se platonico o veritiero, lo dirà solo il tempo. A questo è servito il faccia a faccia andato in scena mercoledì nel cuore di Firenze tra l’argentino e il direttore generale Joe Barone. Un confronto disteso che ha ricomposto i cocci di un rapporto che a poche settimane dall’inizio del Mondiale sembrava quasi sull’orlo di franare. Fino a far credere che il club di Commisso stesse valutando il divorzio con il classe ’98 nel corso della finestra di gennaio. Troppi gli acciacchi accumulati dall’esterno in questo inizio di stagione, così come troppi erano stati i segnali che inducevano a pensare che l’ex Stoccarda stesse da mesi pensando solo alla Coppa del Mondo, torneo che poi ha dovuto saltare per colpa dell’ennesimo infortunio

Serie A, le squadre con i giocatori che valgono di più: la classifica completa

Guarda la gallery

Serie A, le squadre con i giocatori che valgono di più: la classifica completa

Rinascita

Uno scenario, questo, che ha finito per sparigliare le carte in tavola dell’area tecnica e che ha portato alla fine la Fiorentina a scendere a più miti consigli. Ricucire il legame con Gonzalez (anche se il club ha fatto sapere che il rapporto non è mai stato in crisi) significa non soltanto aver garantito a Italiano di poter contare anche per la seconda parte di stagione sul miglior talento della rosa ma anche poter rivalutare un calciatore che, pagato 27 milioni un anno e mezzo fa, adesso sul mercato ne varrebbe poco più della metà: «Tutta la società è accanto a Nico, soprattutto a livello umano perché sta vivendo un periodo difficile dopo aver saltato il Mondiale» ha spiegato Barone. «Il nostro rapporto con Gonzalez è ottimo ma adesso è fondamentale che lui torni ad essere quello che può fare la differenza, come ci aspettavamo quando lo abbiamo acquistato dallo Stoccarda: speriamo che sia pronto già per gennaio».

Dettagli

Tutto come non detto, quindi. Anche perché, a differenza degli strappi del passato prima con Chiesa e poi con Vlahovic, il contratto fino al 2026 che lega Nico alla Fiorentina (che rispetto ai suoi predecessori, prossimi alla scadenza, non ha mai chiesto la cessione) non induceva a pensare a un epilogo troppo diverso. Adesso dunque, accantonate le polemiche, la speranza di Italiano è solo quella di avere a disposizione e a pieno regime sia Gonzalez che Sottil già da inizio febbraio, per tentare la risalita verso le zone nobili della classifica e dare al contempo l’assalto alla Conference League: «Riccardo sta vivendo una fase delicata della carriera» ha aggiunto il dg, parlando dai cantieri del Viola Park.

Grazie Rocco

E proprio sull’immensa struttura alle porte di Firenze (che sarà inaugurata a maggio) Barone ha voluto chiosare: «È un vero orgoglio: voglio ringraziare Commisso e la sua famiglia che con questo investimento hanno voluto fare un regalo ai tifosi in un momento economico complicato. Sono molto preoccupato però per i nuovi parcheggi» ha spiegato: «Sarebbe imbarazzante non averli a disposizione quando apriremo il centro sportivo». Sul tema il sindaco di Bagno a Ripoli Casini ha poi replicato: «Ci faremo trovare pronti: il tema soste non costituisce un problema».

Fiorentina, per Nico Gonzalez lesione di secondo grado

Guarda il video

Fiorentina, per Nico Gonzalez lesione di secondo grado

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Desailly: "Giroud perfetto con Pioli. Fa la differenza nei momenti importanti" Successivo Bandiera Tonali, la scalata Milan che sa di futuro

Lascia un commento