Fiorentina, Burdisso esalta il Viola Park: “Creiamo senso di appartenenza”

Uno dei centri sportivi più all’avanguardia d’Europa, e un esempio da seguire in Italia. A pochi mesi dalla sua inaugurazione, il Viola Park è diventato un punto di riferimento per la Fiorentina ma non solo. Grazie alla sostenibilità e all’integrazione con l’ambiente circostante, il fiore all’occhiello del club punta a diventare un punto di partenza per lo sviluppo e la crescita di tutte le sue squadre.

 Burdisso, le sue parole sul Viola Park

“La prima sensazione è quella di orgoglio nel lavorare qui, di essere parte di questa famiglia che ha avuto la grande idea di pensare un centro sportivo del genere”, ha raccontato Nicolás Burdisso, Direttore tecnico ACF Fiorentina, nel corso di un’iniziativa con il partner del club, la piattaforma PlanetPay365. “A livello pratico questo si riflette nella qualità del lavoro, nelle performance e soprattutto nella creazione di un grande senso di appartenenza. Il fatto di essere sempre insieme, di far incontrare i ragazzi delle giovanili, o della squadra femminile, con quelli di Serie A – che rappresentano il punto di arrivo finale e in cui si possono identificare – è una delle dinamiche che dobbiamo stimolare”.

“Colleghiamo spesso il concetto di innovazione alla tecnologia”

L’idea di tecnologia, sostenibilità e inclusione al servizio della valorizzazione dei talenti è espressa anche da Enrico Peruzzo, Revenue Director di ACF Fiorentina. “Colleghiamo spesso il concetto di innovazione alla tecnologia. Molte volte invece, come succede al Viola Park, può essere collegato anche a ripensare comportamenti, processi e rapporti in modo diverso rispetto al passato. Il nostro è un centro sportivo che premia i valori dell’inclusione di genere e generazionale e che mette insieme tutti questi valori”.

Nel corso dell’iniziativa con il partner, alcuni dipendenti di PlanetPay365 hanno avuto la possibilità di visitare i campi di allenamento della Primavera e della squadra femminile, il Media Center, lo studio Tv e la Villa e la sede dell’ufficio del presidente Rocco Commisso. Infine, l’incontro con Andrea Belotti, Nico Gonzalez e Nikola Milenkovic per le immancabili foto di rito.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Padova battuto in finale di Coppa Italia. Peghin: "Episodi dubbi, ora pensiamo ai playoff" Successivo La Roma in campo nella Giornata Mondiale della Consapevolezza sull'Autismo

Lascia un commento