Felipe Anderson, tre anni dopo: di nuovo un derby per ritornare pilastro

Nelle stracittadine 2018 trovò la consacrazione che gli valse il salto in Premier: con la Roma, domani, il brasiliano vive una nuova tappa della riconquista di un ruolo da protagonista nel nuovo sistema di Sarri

Riecco Felipe Anderson nel derby dell’Olimpico. Dopo tre stagioni il fantasista brasiliano riassapora la sfida con la Roma. L’ultima volta è datata 15 aprile 2018 e finì 0-0. L’ex Santos faceva coppia in attacco con Immobile nella Lazio di Inzaghi schierata col 3-5-2 e al quarto d’ora della ripresa venne sostituito da Luis Alberto. Tre mesi dopo l’ex Santos salutò per andare in Premier al West Ham: quest’estate ha fatto il viaggio inverso dopo il rientro dal prestito al Porto. Il ritorno alla Lazio per ritrovare se stesso.

Quella volta

—  

Ed il derby racchiude molto del Felipe Anderson con la Lazio. Una gara in particolare, quella dell’11 gennaio. Alla mezz’ora, la Lazio già sul 2-0. L’assist di Felipe per il vantaggio di Mauri e poi una perla personale con una parabola tipica del suo repertorio a timbrare il raddoppio. Nella ripresa, una doppietta di Totti riportò il risultato in parità fissando il 2-2 finale. Ma quella giornata esaltò il felice momento del brasiliano, astro nascente nella Lazio di Pioli che al primo anno di gestione portò la squadra al playoff per la Champions. Contro la Roma Anderson segnò il suo quinto gol nell’arco di cinque partite (identico lo score per gli assist). Ma c’è anche un altro derby tra i nove complessivi disputati (due vittorie e due pareggi all’attivo) a risaltare sotto il suo nome: quello del primo marzo 2017. Nell’andata delle semifinali di Coppa Italia, lanciò a rete Milinkovic per il gol del vantaggio (poi Immobile raddoppiò).

NUOVO FELIPE

—  

A 28 anni Felipe Anderson è tornato alla Lazio a caccia di una nuova ripartenza per la sua carriera. L’arrivo di Sarri col suo 4-3-3 è stato l’assist per rivedersi in biancoceleste. Il Comandante avrebbe voluto l’ex Santos già nel suo Napoli. Da esterno nel tridente, pronto a spostarsi sempre di fascia, Felipe sta cercando di ritagliarsi una sua dimensione in una squadra in difficoltà con i nuovi precetti tattici. Un gol e un assist in questo avvio di campionato e la convinzione di poter acquisire finalmente quella continuità che Sarri gli ha chiesto per farlo diventare un pilastro della nuova Lazio. E una prova da protagonista nel derby può dargli la spinta migliore.

Precedente Derby personale, gerarchie e il precedente: tocca a Perin. E se rompe la maledizione... Successivo Spalletti e Mazzarri, veleni e dispetti in salsa toscana

Lascia un commento