Fattore Dybala: con la Joya in campo la Roma corre a velocità doppia

L’argentino a caccia del suo primo gol da ex nel vecchio stadio. Il recupero è stato prudente. I dati dicono che con lui i giallorossi viaggiavano a una media punti molto più alta

Emanuele Zotti

30 dicembre – 11:32 – roma

A Torino contro la Juventus ci sarà anche Paulo Dybala. E, a meno di brutte sorprese last minute, scenderà in campo dal 1’ vicino a Lukaku, per provare a segnare il primo gol da avversario in quello che per sette anni è stato il suo stadio. Per la Joya quella con la Vecchia Signora non sarà mai una gara come le altre, in primis perché – finché si è sentito parte integrante del progetto juventino – ha creduto davvero di poter vestire la maglia bianconera praticamente a vita. Adesso che le stagioni sotto la Mole si sono bruscamente trasformate in un ricordo del passato, il campione nato a Laguna Larga è intenzionato più che mai a lasciare il segno in una sfida che per la Roma può rivelarsi cruciale nella corsa ad un posto in Champions League. 

recupero

—  

Soprattutto per questo negli ultimi 10 giorni l’attaccante ha seguito un meticoloso programma di recupero dalla lesione al flessore, che gli ha consentito di svolgere gli ultimi quattro allenamenti con il resto del gruppo nonostante, a livello fisico, Paulo sarebbe stato in grado di rispondere ad un’eventuale convocazione anche per la sfida con il Napoli. La storia clinica del numero 21 e soprattutto il ruolo cruciale che ricopre negli equilibri della squadra di Mou hanno però convinto lo staff medico giallorosso a posticiparne il rientro in campo, provando a riportarlo al top della condizione in vista del big match dello Stadium. 

differenza

—  

Il motivo delle precauzioni adottate dai medici di Trigoria si spiega analizzando i numeri della Roma con e senza Dybala. Con l’argentino in campo infatti la squadra di Mou viaggia a una media di 1,91 punti a partita – frutto di 6 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte arrivate durante l’attuale stagione – nelle 6 gare affrontate senza Paulo invece gli uomini dello Special One hanno inanellato 2 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte, abbassando la media punti a 1,16. Insomma, con la Joya a disposizione la Roma rende quasi il doppio. Dunque schierando Dybala titolare, le possibilità di rientrare da Torino con un risultato positivo aumentano esponenzialmente. Mourinho è il primo a saperlo e, per questo, è deciso a farlo giocare da inizio partita. 

Precedente Inter e Juve, quanto vi somigliate: Sassuolo, Genoa e Bologna il mal comune Successivo La Serie B e i sogni promozione: dietro al Parma tutto è possibile