Europei con tifosi allo stadio: via libera dal Governo

“La disponibilità acquisita dal Governo italiano è un ottimo risultato che fa bene al Paese, non solo al calcio. Ringrazio in particolare il Ministro della Salute Roberto Speranza perché ci ha comunicato di aver dato incarico al CTS di individuare le migliori soluzioni che consentiranno la presenza di pubblico allo stadio Olimpico di Roma in occasione del prossimo campionato Europeo”. Sono le parole del presidente della Figc, Gabriele Gravina dopo che il governo ha dato alla Federcalcio la sua disponibilità per la presenza di pubblico allo stadio Olimpico per le partite degli Europei di calcio al via l’11 giugno.

Il Cts dovrà chiarire i protocolli

“In un momento tanto complesso – spiega Gravina –, è stata comunque manifestata chiaramente la volontà di veder confermata la presenza italiana a questo grande evento, dando fiducia alla Figc.”. Il ministro della salute Speranza ha inviato al presidente Gravina una lettera con il suo assenso (che verrà immediatamente girato all’Uefa). L’indicazione del governo italiano arriva alla Figc in una giornata in cui altre realtà europee, come la Germania, faticano a trovare un’intesa. “Collaboreremo in maniera sinergica con la Sottosegretaria Valentina Vezzali – conclude Gravina – che ci sta accompagnando in questo percorso. Ci è stato inviato un segnale in forte prospettiva sulla ripresa che noi trasferiremo prontamente alla Uefa”. Nella mail di Speranza si sottolinea però che toccherà al Cts prendere una decisione e chiarire i protocolli che consentano di svolgere in sicurezza gli eventi: “Il governo italiano ha chiesto parere al Cts, per valutare, sulla base del quadro epidemiologico e dell’andamento delle vaccinazioni, la possibilità di prevedere una presenza limitata di pubblico per gli Europei di calcio che si terranno a partire dall’11 giugno.”.

“Ora riaprire anche gli eventi musicali live”

La notizia è stata accolta con ottimismo nel mondo sportivo. Ma c’è anche chi si è lamentato della decisione, chiedendo lo stesso metro di giudizio anche per altre riaperture: “Sarebbe molto grave se il governo desse l’autorizzazione alla presenza del pubblico negli stadi per gli Europei di calcio e continuasse a negare il consenso per una riapertura in sicurezza agli eventi musicali live: una discriminazione inaccettabile”. Sono le parole di Enzo Mazza, ceo di Fimi, la Federazione dell’industria musicale, che ha cosi commentato la disponibilità data dall’esecutivo alla Figc alla presenza di spettatori allo stadio Olimpico per le partite degli Europei.

Precedente Napoli, tamponi negativi. I convocati per la Juve Successivo RISULTATI CHAMPIONS LEAGUE/ Diretta gol live score: sfida bollente per Guardiola

Lascia un commento