Europa e Conference League: il Tottenham risorge con Kane, il Basilea di Esposito passa ai rigori

Il Tottenham ribalta il k.o. di misura dell’andata grazie a una doppietta del suo centravanti e un sigillo di Lo Celso. Gli svizzeri dell’attaccante nerazzurro si qualificano dopo i tiri dagli undici metri

Il Tottenham evita la figuraccia grazie a Harry Kane, che archivia un’estate turbolenta trascinando gli Spurs alla rimonta sul piccolo Paços de Ferreira. Dopo il fallito trasferimento al City, il centravanti inglese si rifà agli occhi dei tifosi firmando una doppietta che annulla il k.o. di misura subito in Portogallo, trascinando così la squadra di Nuno Espirito Santo alla fase finale della Conference League. Fa festa anche il Basilea di Esposito nonostante un grande spavento: gli svizzeri dell’attaccante nerazzurro, in campo per 67’, si fanno trascinare ai rigori dopo il successo per 3-1 ottenuto all’andata, ma prevalgono ai rigori grazie a due errori dell’Hammarby.

EUROPA LEAGUE

—  

Pronostici rispettati in tutte le sfide in programma. Tra i potenziali rivali di Lazio e Napoli nell’urna di Istanbul ci saranno infatti i Rangers (0-0 con l’Alashkert), il Fenerbahce (5-2 all’HJK), il Rapid Vienna (3-2 allo Sorya), il Galatasaray (2-1 al Randers) e il Celtic (ininfluente k.o. per 2-1 con l’AZ Alkmaar). Qualificazione anche per la Stella Rossa (2-1 al Cluj), l’Olympiacos (2-2 con lo Slovan Bratislava dopo il 3-0 dell’andata), lo Sturm Graz (2-0 al Mura) e il Legia Varsavia (2-1 allo Slavia Praga). Fa festa anche l’Anversa di Nainggolan, che centra la qualificazione piegando ai rigori l’Omonia Nicosia per 3-2 dopo un 4-4 nei 180’ regolamentari tra andata e ritorno.

CONFERENCE LEAGUE

—  

Due sfide terminate dopo i supplementari e una ai rigori per definire le 21 squadre che si aggiungono alla Roma nel tabellone principale della Conference League. Detto del Basilea di Esposito, passano anche Bodo/Glimt (1-0 allo Zalgiris), Maccabi Haifa (4-0 al Neftci), Lincoln (3-1 al Riga dopo 120’), Kairat Almaty (3-1 al Fola), Qarabag (3-1 all’Aberdeen), Rennes (3-1 al Rosenborg), Paok Salonicco (2-0 al Rijeka), Copenaghe, (5-0 al Sivasspor) e Lask (2-0 al St. Johnstone), Feyenoord (ininfluente sconfitta per 3-1 dopo il 5-0 rifilato all’Elfsborg in Olanda), Tottenham (3-0 al Paços de Ferreira), Maccabi Tel Aviv (2-0 allo Shakhter), Gent (3-0 sul Rakow), Anorthosis (3-1 al Beer Sheva), Vitesse (2-1 all’Anderlecht), Union Berlino (0-0 con il Kups dopo il 4-0 in Germania), il Jablonec (3-0 allo Zilina) e il Partizan Belgrado (che piega 2-0 il Santa Clara dopo il 2-1 subito in Portogallo). Qualificato anche il Cska Sofia, che rimonta lo 0-2 dell’andata imponendosi 3-0 sul Viktoria Plzen.

Precedente L'offerta è quella giusta. Mbappé al Real, ci siamo: le prossime ore saranno decisive Successivo Liverpool, pericolo Chelsea: l’ultima volta ad Anfield hanno vinto i Blues

Lascia un commento