Empoli, Andreazzoli: “Guadagnato un punto che vale tanto”

EMPOLI – Una vittoria sarebbe stata un regalo di compleanno più gradito, ma Aurelio Andreazzoli si accontenterà anche del pareggio. L’Empoli esce con un 2-2 dalla sfida con il Genoa, ed il tecnico azzurro è comunque soddisfatto della prestazione dei suoi: “Finalmente – assicura ai microfoni di Dazn – abbiamo preso un punto che vale tanto. Lo stimolo è quello di far credere ai giocatori che si possono sempre raggiungere i risultati importanti: andiamo avanti un passo alla volta per migliorare su quello che ancora ci manca. Non dimentichiamo che siamo una squadra giovane e che deve imparare a confrontarsi con tante situazioni. Anche nel primo tempo volvamo dare ampiezza al gioco e riempire l’area avversaria, ma non ci siamo riusciti perché il Genoa ci ha messo in difficoltà togliendoci iniziativa e sicurezza. E quando viene meno la sicurezza allora si tentano meno giocate. Mi è piaciuto il modo in cui i subentrati hanno approcciato la partita: anche grazie a loro siamo riusciti a trovare l’ampiezza che cercavamo, a mettere Zurkosvki in condizione di incidere“.

Criscito, poi Di Francesco-Zurkowski: Bianchi salva il Genoa contro l'Empoli

Guarda la gallery

Criscito, poi Di Francesco-Zurkowski: Bianchi salva il Genoa contro l’Empoli

“Dobbiamo fare meno errori”

Il margine di crescita di questo giovane Empoli è ancora ampio: “Il nostro obiettivo – prosegue Andreazzoli – è fare meno errori, non parlo solo dal punto di vista tecnico ma anche delle difficoltà mentali che hanno i ragazzi quando affrontano le squadre importanti. Questo però è anche colpa mia, perché chiedo loro di fare un calcio difficile sia tecnicamente che fisicamente. Servirebbe più esperienza di alto livello, ma i ragazzi sono bravi a mettersi a disposizione e a fare ciò che li obbligo a mettere in campo. Con il tempo le cose verranno più agilmente e l’identità diventerà più marcata. I dettagli sono difficili da limare, ma sono quelli che incidono maggiormente sulla qualità del gioco e sull’identità di squadra“.

Precedente Spalletti: "Fischi all'Olimpico? Ho la coscienza a posto. Ma è deprimente portare i figli..." Successivo Southampton in volo con Armstrong, quinto ko di fila per l'Aston Villa

Lascia un commento