El Shaarawy prova a rialzare la Roma: “Ancora ambiziosi. E Mou è un motivatore”

L’attaccante: “Vogliamo tornare quelli di inizio stagione. È un piacere ascoltare il tecnico, sa caricarti nella maniera giusta. Sarebbe bello tornare in Nazionale: se ci riuscirò vorrà dire che avrò fatto molto bene col club”

È il capocannoniere della Roma con 6 reti e, soprattutto, è il giocatore che più è cresciuto nelle ultime settimane. Forse anche per questo le parole di Stephan El Shaarawy al sito della Roma assumono il valore di frasi dette da un leader dello spogliatoio: “Siamo ambiziosi e fiduciosi, nonostante le sconfitte. Vogliamo rialzarci per tornare quelli di inizio stagione”.

Tutti con Mou

—  

El Shaarawy racconta anche del rapporto con Mourinho: “Avere un allenatore come lui ti stimola tantissimo a dare sempre qualcosa in più. È un grande motivatore e ha creato un rapporto con tutti qui a Trigoria, non solo con i giocatori. È un piacere ascoltarlo, sa caricarti nella maniera giusta. Ha un contratto di tre anni e speriamo di averlo più a lungo possibile con noi. Navighiamo tutti nella stessa direzione e questa è la cosa più importante. Facciamo gruppo, siamo uniti, lavoriamo tutti per il bene della Roma e non per gli interessi del singolo. Siamo stati anche penalizzati dagli episodi, è vero, ma siamo i primi a essere consapevoli che potevamo fare più male alle squadre che in questo momento sono più in alto di noi”.

Obiettivo azzurro

—  

Sul momento personale, El Shaarawy ammette che, dopo l’esperienza in Cina e il Covid, trovare la forma nel campionato italiano non è stato semplice: “Non è stato semplice riadattarsi, ma ora voglio fare meglio, per me stesso e per la Roma. Devo aiutare la squadra a raggiungere traguardi importanti. Ho anche un altro obiettivo – conclude – e cioè ritrovare la Nazionale, ora ci sono anche i playoff e per me essere lì a marzo sarebbe una bella soddisfazione. Se ci arriverò, vorrà dire che avrò fatto molto bene con la Roma”.

Precedente Diretta ISL 2021 con Federica Pellegrini/ Streaming video tv, si torna in acqua Successivo Spinazzola, Cancelo, Pjanic, CR7 e la vecchia guardia: Juve, due anni di cessioni

Lascia un commento