Ecco D’Aversa ma Ferrero insulta un giornalista, l’Ussi “Toni inaccettabili”

Roberto D’Aversa si presenta ai tifosi della Sampdoria: “Sono in un club blasonato. Saluto con stima e affetto Ranieri. In passato ho avuto la fortuna di indossare questa maglia, le emozioni che la Gradinata Sud trasmette durante la partita sono ancora forti. Sono stato soltanto sei mesi qui, ma ho sempre desiderato di tornare qui da calciatore o allenatore. Per me è motivo di orgoglio allenare un club tanto prestigioso”. Il prossimo campionato di A sarà il suo banco di prova. Segui tutta la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora.

Al di là della vernice del nuovo allenatore, il presidente blucerchiato Massimo Ferrero ha preso a male parole un giornalista, stamattina a Marassi nella sala stampa dello stadio, in margine alla presentazione dello stesso D’Aversa. Con ogni probabilità la materia del contendere riguarda una presunta trattativa per la cessione del club. Immediata la reazione dell’USSI: “Il gruppo giornalisti sportivi Ussi Liguria stigmatizza con forza gli eccessi verbali del presidente della Sampdoria Massimo Ferrero nei confronti del collega Renzo Parodi, nel corso della presentazione dell’allenatore D’Aversa allo stadio Ferraris di Genova. Toni e parole inaccettabili che hanno fatto temere per qualche istante persino l’allontanamento del collega dalla sala stampa. Per fortuna la vicenda è subito rientrata (anche per l’immediato intervento di un nostro consigliere Ussi presente alla conferenza) e prendiamo positivamente atto delle scuse pubbliche di Ferrero e del successivo chiarimento a fine conferenza tra il presidente blucerchiato e lo stesso Parodi. Ci auguriamo naturalmente che questo episodio resti isolato e che – anche nel rispetto di opinioni e posizioni differenti – il rapporto e il confronto tra il presidente Massimo Ferrero e i colleghi giornalisti sia sempre sereno, corretto e rispettoso dei ruoli”.

Precedente Chiesa lo spietato, il gigante Gigio e il prof. Jorginho: l'Italia con loro non trema Successivo Salernitana in A, rimane soltanto un ultimo scoglio

Lascia un commento