Ecco chi sono Ljubicic e Jurcevic, gli agenti di Perisic: l’incontro con l’Inter a fine campionato

L’agenzia fondata dall’ex tennista, con Berrettini dal 2020, segue Ivan per sponsorizzazioni e social. L’amico di infanzia segue la pratica contratto. Perché Marotta tiene il punto

Un clan croato, tra tennis e amicizie d’infanzia. L’agente di Perisic che dovrà sedersi ad un tavolo con Marotta e Ausilio a fine campionato è Frane Jurcevic, amico di Ivan sin da quando erano bambini. Lavora per la LJ Sports Group, agenzia fondata dall’ex numero 3 del tennis mondiale Ivan Ljubicic, che dall’ottobre 2020 cura anche gli interessi di Matteo Berrettini. Per Perisic una parte del gruppo segue tutto quello che riguarda sponsorizzazioni e gestione dei social. Ma sarà appunto Jurcevic a gestire il rinnovo con l’Inter.

Silenzi e motivazioni

—  

Interpellata, nessuna delle due parti intende rilasciare dichiarazioni all’indomani dello sfogo del giocatore dopo la doppietta che ha fatto vincere all’Inter anche la Coppa Italia. “Con i giocatori importanti non si aspetta fino all’ultimo per rinnovare” ha detto Perisic a Roma. Oggi nessuno ha replicato nemmeno a lui. Dirigenti al lavoro e Ivan a godersi la famiglia, arricchita dal recente arrivo del terzo figlio. Marotta vuole andare avanti con il croato, ma come per gli altri ha chiesto che ogni discorso venga rimandato a fine campionato. La decisione è stata presa a marzo, con l’Inter reduce da 7 punti in 7 gare. Vista la gran ripartenza, la mossa ha pagato. E ora più che mai esistono soltanto Cagliari e Sampdoria. L’Inter farà uno sforzo per venire incontro alle richieste di Perisic, che ha pur sempre compiuto 33 anni a febbraio, ma deve tenere il punto per due motivi. Non soltanto per questioni finanziarie (obbligo di abbattere il monte ingaggi del 10-15%), ma anche di principio. Se negli ultimi anni è stato costruito un gruppo sano e vincente è anche per il rispetto di certe dinamiche e per un senso di appartenenza. Quindi l’Inter non cederebbe a un eventuale ricatto.

Evoluzione

—  

Jurcevic per contro fa gli interessi di un assistito che dopo il prestito al Bayern (dove ha vinto il Triplete…) è tornato a Milano e ha sbriciolato lo scetticismo di Conte – bravo comunque a motivarlo – facendosi umile come uomo a tutta fascia. Dopo un’ottima stagione culminata con lo scudetto, Perisic però quest’anno viaggia a livelli stratosferici. Non soltanto per i 9 gol (di cui 7 in campionato), le manciate di assist e l’intensità con cui difende e attacca, ma anche per la sfrontatezza con cui guarda in faccia gli avversari anche nei momenti più difficili. Ieri a Roma – complice l’ingresso di Dimarco, gran mossa di Inzaghi con Cuadrado preso in mezzo da due uomini – è stato Ivan a guidare la carica dopo l’uno-due juventino che avrebbe steso un toro. Il suo entourage chiede un biennale a 5 milioni, l’Inter è ferma a 4 ma potrebbe fare un passo verso la controparte. A meno che non si inserisca una big inglese, alla fine dovrebbe arrivare la fumata bianca che è nell’interesse di tutti. Appuntamento all’ultima settimana di maggio.

Precedente Campionato portoghese, il pronostico di Ferreira-Benfica Successivo Playout Serie B, il Vicenza vince al 90': Maggio stende il Cosenza

Lascia un commento