E se andassimo ai playoff… Ecco le seconde di ogni gruppo

Già sicure di un posto ai delicatissimi minitornei con in palio gli ultimi tre posti per il Qatar Portogallo, Svezia, Scozia, Russia e Macedonia. Praticamente certa la Polonia. Potrebbero arrivare anche Olanda e Galles

Elisabetta Esposito

14 novembre – ROMA

Nessuno vuole pensarci davvero, ma che l’Italia rischi di finire ai playoff è un dato di fatto. E allora, se non altro per scaramanzia, vediamo la situazione delle seconde in tutti i gruppi (tranne quello degli azzurri) di queste qualificazioni al Mondiale in Qatar.

Gruppo A

—  

Il Portogallo di Cristiano Ronaldo sarà di certo una delle più grandi minacce dei playoff. Grazie alla rete al 90′ di Mitrovic, la Serbia passa infatti a Lisbona e stacca i suoi diretti avversari conquistando il primo posto e un biglietto per il Qatar. Al Portogallo, secondo, non resta che affidarsi alla rischiosissima trafila playoff.

Gruppo B

—  

Il gol di Morata alla Svezia, consacra il primo posto della Spagna che vola al Mondiale. Ai playoff come seconda va dunque la Svezia di Ibra, squadra che porta per noi cattivi ricordi…

Gruppo D

—  

Con la Francia già qualificata, il secondo posto è una lotta tra Finlandia, al momento alle spalle dei transalpini con 11 punti, e Ucraina, subito dietro con 9. Le altre due sono fuori dai giochi. Martedì sera la Finlandia ospita la Francia, mentre l’Ucraina va in trasferta in Bosnia. I giochi sono ancora aperti.

Gruppo E

—  

Come nel gruppo precedente, già è deciso chi andrà direttamente in Qatar, il Belgio di Lukaku. Ai playoff con ogni probabilità andrà il Galles di Bale che martedì ospita appunto il Belgio già qualificato. Ma la Repubblica Ceca, che gioca in casa con l’Estonia ampiamente out, potrebbe ancora fare il colpaccio: se i gallesi perdono e i cechi vincono, le due squadre si troverebbero infatti assieme con 14 punti. La differenza reti è comunque favorevole al Galles (+5 contro i +3 della Repubblica Ceca), ma ci sono ancora due partite da giocare.

Gruppo F

—  

La Danimarca è qualificata e in questo caso non servirà aspettare le gare di domani sera per conoscere la seconda: sarà la Scozia che ha infatti ben 7 punti di vantaggio su Israele e Austria, terzi.

Gruppo G

—  

La classifica vede al momento prima l’Olanda con 20 punti (dopo il clamoroso 2-0 poi 2-2 in Montenegro), seguita da Turchia e Norvegia con 18. I giochi sono ancora aperti considerando che martedì sono in programma Olanda-Norvegia e Montenegro-Turchia. I ragazzi di van Gaal dunque si giocano tutto in casa. Se dovessero vincere, la Turchia per arrivare seconda potrebbe addirittura permettersi il lusso di perdere ma dando un’occhiata alla differenza reti che vede la squadra di guidata da Kuntz a +10 e i norvegesi a +9. Se invece la Norvegia vincesse a Rotterdam, salirebbe al primo posto del girone, appaiata con i Turchi nel caso di successo anche di questi sul Montenegro. A quel punto a decidere primo e secondo sarebbe la differenza reti, con l’Olanda clamorosamente fuori da tutto.

Gruppo H

—  

Con il successo per 1-0 sulla Russia, la Croazia scavalca gli avversari in classifica e conquista primo posto e accesso diretto al Mondiale. Ai playoff, per un solo punto di svantaggio, va quindi la Russia.

GRUPPO I

—  

Al momento l’Inghilterra è prima in classifica con 23 punti, seguita dalla Polonia di Lewandowski e Milik a 20. Manca ancora un turno, ma è praticamente impossibile che la situazione cambi, visto che domani sera Kane e compagni saranno impegnati contro San Marino fermo a zero punti, mentre la Polonia ospita l’Ungheria. E se pure miracolosamente le due squadre si trovassero a pari punti, gli inglesi hanno ora un +26 di differenza reti contro il +20 della Polonia.

GRUPPO J

—  

La Germania – già in Qatar – ha battuto oggi nell’ultimo turno di qualificazione l’Armenia. Alle sue spalle si piazza la Macedonia che battendo l’Islanda 3-1 mantiene il punto di vantaggio che aveva sulla Romania e conquista l’accesso ai playoff.

le regole dei playoff

—  

Vediamo dunque qual è il regolamento dei playoff. Accedono a questa fase dalla formula totalmente nuova le dieci seconde dei gruppi visti sopra e le due migliori squadre della Nations League non qualificate. Queste dodici squadre verranno divise in tre gruppi da quattro che disputeranno semifinali e finali con gara secca: le tre vincitrici si qualificano. Le migliori sei seconde saranno teste di serie e ogni semifinale vedrà opposte una testa di serie e una non teste di serie, con accoppiamenti definiti con sorteggio in programma il 26 novembre a Zurigo.

Precedente Sosa: "Non temo Inter e Milan. Voglio che vinca il Napoli e che perda una sola squadra" Successivo Italia, la notte più importante. A Belfast gol e vecchie magie per volare in Qatar

Lascia un commento