È morto a 17 anni Bryan, il talentino della Juve per cui faceva il tifo anche Pogba

A 11 anni gli era stato diagnosticato un tumore, ma nel 2019 il ragazzo classe 2004 era riuscito a tornare in campo

È scomparso Bryan Dodien, 17enne del settore giovanile dell Juventus. A comunicarlo è la società bianconera, che in questi anni ha cresciuto il ragazzo nato nel 2004 al quale era stato diagnosticato un tumore nel 2015, ad appena 11 anni. Nel 2019 era ritornato in campo, durante le cure alla sua storia si era affezionato Paul Pogba, ai tempi in cui giocava a Torino.

Il primo ritorno

—  

Era il 6 gennaio del 2019 e Bryan Dodien, allora 14enne, dopo una dura battaglia contro il cancro viveva la gioia dell’esordio con l’under 15 della Juventus, entrando a 10 minuti dalla fine nel 3-1 contro il Bologna. “Dopo tre anni di lotta oggi sono tornato in campo” aveva scritto in una foto. Oggi, sabato 4 settembre, la società ha dato la notizia della sua scomparsa.

Il sostegno di Paul

—  

Il 16 dicembre del 2015 era stato Pogba il primo campione a lanciare un segnale di vicinanza al ragazzo, che si stava sottoponendo a cure delicate. Dopo un gol al Torino in Coppa Italia aveva mostrato la maglia con la scritta “Bryan sono con te”. “È un ragazzo piccolo che giocava alla Juve, ha il cancro. Ho detto che dovevo segnare un gol. Sono sempre con lui e non lo lascerò mai” aveva spiegato il francese a fine partita. Purtroppo Bryan non ce l’ha fatta.

Precedente Milan, Roma e Sassuolo in testa, domani big match al Franchi Successivo Shalom Cup: l'Under 17 Lnd stende il Crotone e vola in finale

Lascia un commento