E in Qatar spuntano i droni: tra Brasile-Serbia è sfida (anche) a colpi di spionaggio

Il vento gelido sparato dai condizionatori, i dubbi sulla foto CR7-Messi (è taroccata?) e la spy story tra le due nazionali che si affronteranno giovedì: ecco il Mondiale visto da vicino

dal nostro inviato Sebastiano Vernazza

22 novembre – Doha (Qatar)

Mesi e mesi a straparlare del caldo in Qatar, del Mondiale nel deserto, della sabbia e del sole battente, per finire avvolto in un piumino leggero, il classico “100 grammi”, nel Media Center. Perché nelle strutture concesse alla Fifa e negli stadi tira un’aria condizionata pazzesca, i bocchettoni sparano un vento gelido e la temperatura scende.

Precedente "Golpe Mondiale": il crollo dell'Argentina di Messi sui quotidiani Successivo Argentina-Arabia Saudita, le pagelle: Al-Shehri, gol partita da 7,5. Di Maria (4) disastroso

Lascia un commento