Dybala tiene in ansia la Roma: gli esami in vista del Bayer Leverkusen

E adesso il Leverkusen, la partita della speranza. Tre giorni alla sfida di ritorno contro la corazzata Bayer: De Rossi crede nella rimonta, così come i giocatori che di certo proveranno fino alla fine a fare risultato per agganciare la terza finale europea consecutiva. Certo, nonostante le rassicurazioni in campo di Dybala, la Roma è inevitabilmente in ansia per le sue condizioni. L’argentino nel finale del primo tempo ha sentito un fastidio all’adduttore destro e ha fatto una smorfia che ha subito preoccupato lo staff giallorosso. All’intervallo è uscito dal campo con la parte del pantaloncino della coscia destra tirato su mentre intanto si massaggiava la parte dolorante. Inevitabilmente De Rossi ha preferito lasciarlo fuori per evitare qualsiasi altra problematica: Dybala è rimasto negli spogliatoio insieme ai fisioterapisti proprio per valutare l’entità del problema. Dopo un quarto d’ora dalla ripresa Paulo è tornato in panchina e ha rassicurato la squadra e il tecnico. Ma naturalmente oggi svolgerà tutti gli accertamenti del caso per scongiurare qualsiasi situazione a rischio o che potrebbe portare a un problema maggiore. De Rossi ci fa affidamento, magari lo lascerà a riposo anche domani per poi portarlo a Leverkusen e lì valutare se utilizzarlo dal primo minuto. Oggi si saprà qualcosa di più. Il primo sicuramente a voler giocare è Dybala che vuole chiudere al meglio questa stagione per proiettarsi già sulla prossima. Presente e futuro. Perché all’interno del contratto firmato nell’estate 2022 c’è un’opzione di rinnovo fino al 2026. Se il prossimo anno giocherà il 50% delle partite ufficiali scatterà un’opzione automatica per un ulteriore anno. Gli agenti della Joya sono in Italia, non è escluso che comunque dopo l’ufficialità del nuovo diesse possano essere avviati in ogni caso i discorsi per il rinnovo.

Bayer-Roma, le scelte di De Rossi

De Rossi giovedì ripartirà dai titolari, compresi quei giocatori che ieri sera sono rimasti a riposo come Mancini, Smalling, Celik, Spinazzola ed El Shaarawy. Cinque titolari che hanno potuto recuperare un po’ di energie per essere freschi e pronti alla grande sfida della BayArena dove un anno fa i giallorossi riuscirono a mantenere la porta imbattuta e agguantare un pareggio che li portò a Budapest grazie al gol di Bove siglato nella semifinale d’andata. Testa intanto soltanto al campo e al Bayer. Sulle fasce ci saranno Celik (assenze all’andata per squalifica) e Spinazzola, con Mancini e probabilmente Smalling al centro del reparto. Il centrocampo non si tocca: Cristante, Paredes e Pellegrini sono i titolari inamovibili, e non è escluso che il capitano della Roma non possa alzarsi per giocare da trequartista e non da mezzala (mobile). In attacco, resta il dubbio Dybala (in caso di forfait giocherebbe Baldanzi), con Lukaku ed El Shaarawy sulla fascia destra. Massima attenzione alla fase difensiva e massimo sforzo per cercare il primo gol: servirà una Roma con grande testa, concentrazione e lucidità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma, in arrivo il nuovo ds e l'annuncio sul contratto di De Rossi Successivo Pagelle Juve: Vlahovic inquieto, Chiesa strappa e non sparisce, Rabiot e le valigie

Lascia un commento