Dybala: “L’affetto della gente vale tantissimo per me”. E Mou lo applaude

L’argentino, premiato dalla squadra per la vittoria al Mondiale, ha deciso la sfida di Coppa Italia col Genoa e ha festeggiato il gol con una lunga corsa sotto al Curva Sud

È stata la sua notte. Il ricordo del Mondiale vinto in Qatar, il gol vittoria coronato con una lunga corsa sotto la Curva Sud e i complimenti di José Mourinho a fine partita. In 49 minuti disputati all’Olimpico contro il Genoa, Paulo Dybala ha regalato alla Roma l’accesso ai quarti di finale di Coppa Italia ma – ancora una volta – rende ancor più evidente quello che, sempre più, sta diventando un dato di fatto: con lui in campo la squadra di Mourinho viaggia ad un’altra velocità.
Sono 8 i gol della Joya dal suo arrivo nella Capitale. Quello di stasera invece è stato l’undicesimo realizzato contro il Genoa in tutte le competizioni (seconda vittima preferita dopo l’Udinese), festeggiato in un modo “speciale”: il numero 21, dopo aver fatto esplodere di gioia i 60mila romanisti presenti allo stadio, ha indossato un cappello da baseball – con la scritta BzRP – dedicato ad un suo amico producer.

OBIETTIVO COPPA

—  

A fine partita l’argentino ha prima ringraziato i tifosi per l’affetto dimostrato: “L’amore della gente è arrivato prima di essere campione del mondo. L’affetto vale tantissimo per me, il riconoscimento di oggi sarà indimenticabile”. Prima della gara infatti, Paulo aveva ricevuto una targa – consegnata da Lorenzo Pellegrini a nome della squadra – per celebrare la vittoria della Coppa del Mondo. Dybala però non sembra sazio e, anzi, mette subito in chiaro le cose: “Lotteremo su tre fronti, la Coppa Italia è un nostro obiettivo, abbiamo la squadra per farlo e sono solamente 3 partite. In campionato ci sono squadre più forti di noi, ma possiamo lottare. Poi c’è anche l’Europa League che è molto importante. Non so dove arriveremo, ma i nostri obiettivi sono chiari”. E pensare che la Joya non è ancora al top della forma: “Spero di arrivare presto al 100%. Ci sono tante partite consecutive ora, a volte è difficile mettersi in forma con gli allenamenti. Puoi farlo solo giocando le partite, non c’è tempo per allenarsi”.

CURVA SUD

—  

Per celebrare il ritorno al gol in maglia giallorossa – non accadeva dal 9 ottobre contro il Lecce – Paulo ha scelto di regalarsi la prima corsa da protagonista sotto la Curva Sud. Uno scatto carico di significato, che l’argentino ha sognato più volte di compiere durante i 20 giorni trascorsi in infermeria prima di essere convocato per il Qatar.

I COMPLIMENTI DI MOU

—  

La ciliegina sulla torta invece l’ha messa José Mourinho che, senza giri di parole, ha ammesso il ruolo cruciale che il numero 21 riveste nel suo scacchiere tattico: “È un giocatore che rende la squadra e l’allenatore più bravo, ci sono tecnici che hanno 4-5 giocatori come lui. Noi non ne abbiamo né 7 né 8, con Dybala la musica è diversa”. Difficile dargli torto.

Precedente Esonero Sandro Grande/ Il motivo del dietrofront dopo 15 ore e le scuse del Montreal Successivo Skriniar, altro dribbling: la risposta all'Inter sul rinnovo slitta dopo la Supercoppa

Lascia un commento