Dybala: “L’accoglienza a Roma da pelle d’oca. Voglio vincere con Mourinho”

ROMA – Paulo Dybala si è immediatamente inserito alla perfezione nella Roma. La Joya anche nella sfida contro l’Helsinki è stato decisivo con la rete che ha sbloccato la partita pochi secondi dopo il suo ingresso nel secondo tempo. L’argentino ha vissuto un avvio di stagione esaltante, il suo arrivo è stato accolto con grandissimo entusiasmo dai tifosi giallorossi. E Dybala ha rilasciato un’intervista a Soccerbible parlando proprio del suo sbarco nella capitale. 

Il modo in cui i tifosi della Roma l’hanno accolta è stato incredibile, cosa ne pensa?
“È stato un momento molto speciale. Ho detto alla mia famiglia e ai miei amici che è stata una sensazione fantastica, mi è venuta la pelle d’oca. Prima di entrare all’Olimpico, sentire come cantavano, le bandiere e tutto il resto… È stato uno spettacolo davvero incredibile”.

Deve essere stato uno shock. Sapeva che i tifosi della Roma erano qualcosa di speciale, ma loro sono davvero un’altra cosa, vero?
“Sì, sapevo della passione dei tifosi, ma a dire il vero non mi aspettavo una cosa del genere. Quindi, ho sentito davvero l’amore che hanno espresso e ora spero di poter restituire ai tifosi quello che mi hanno dato durante la presentazione”.

Qual è stata la parte più folle di quella giornata?
“Credo sia stato quando sono uscito, perché prima non sapevo cosa sarebbe successo e poi quando me l’hanno detto, circa cinque minuti prima che dovessi uscire, quando ho saputo più o meno cosa dovevo fare… Vedere la gente là fuori in quel modo e sullo schermo dietro le quinte, come ho detto prima, è stato qualcosa di incredibile”.

Mourinho come Ferguson: è l'allenatore più vincente in Europa

Guarda la gallery

Mourinho come Ferguson: è l’allenatore più vincente in Europa

Ci saranno state diverse squadre che ti hanno cercato, tu hai scelto questi tifosi e questo è stato il loro modo di dimostrarti il loro apprezzamento per la tua scelta. È stata una scelta difficile?
“No, per niente. Al contrario, dopo aver parlato con alcuni dirigenti e con l’allenatore, credo che alla fine sia stata un’ottima decisione. Prima di tutto, sono molto felice di essere qui, poi, grazie a quello che è stato detto con loro, mi hanno convinto al 100% a voler far parte di questa squadra”.

C’è qualcuno che ti ha aiutato a prendere questa decisione?
“Beh, ovviamente la mia famiglia, le persone che lavorano con me, che sono le più vicine a me in questi momenti in cui devi prendere certe decisioni, sono state quelle che mi hanno aiutato. Ma alla fine ho preso la decisione. Ho detto sì all’idea di entrare in questa squadra e ne sono molto orgoglioso”.

Prima di arrivare probabilmente aveva delle aspettative su questo club. Ora che è qui, c’è qualcosa che l’ha sorpresa?
“No, cerco sempre di non avere aspettative su certe cose, perché poi se succede il contrario ti senti un po’… non sono sicuro che deluso sia la cosa giusta da dire, ma le tue aspettative non vengono soddisfatte. Quindi, al di là di quello che avrei potuto immaginare di trovare qui, ho deciso di venire perché credo in questo progetto, in quello che è stato discusso con la dirigenza, il presidente e l’allenatore, quindi le aspettative sono sul campo, non fuori”.

Che parole userebbe per descrivere la Roma?
“Credo che avrei bisogno di un po’ più di tempo per usare solo parole singole. Come ho detto prima, sono molto felice di essere qui a lavorare. Mi piace molto qui, le persone che lavorano per la squadra mi aiutano da ogni punto di vista. Sono i miei primi passi qui, sono molto contento di quello che stiamo facendo e non vedo l’ora di iniziare la stagione e di giocare con questa maglia”.

Mourinho: "Zaniolo grande professionista. Ho temuto di perderlo"

Guarda il video

Mourinho: “Zaniolo grande professionista. Ho temuto di perderlo”

Quanto ha influito il pensiero di essere allenato da Mourinho nella sua scelta?
“Ovviamente molto, perché è un allenatore vincente e sicuro di sé. Quello che abbiamo discusso mi ha dato molta fiducia e mi ha fatto venire voglia di venire qui per vincere, per aiutare la squadra, i miei compagni, per condividere quello che ho vissuto negli ultimi anni. Io e l’allenatore abbiamo una visione molto simile, quindi andiamo d’accordo su questo punto”.

E come sono stati i primi momenti con lui?
“Beh, prima non lo conoscevo molto bene, ma poi abbiamo iniziato a parlare… È una persona molto umile che vive per il calcio e lo dimostra ogni giorno, in ogni allenamento. Credo che avere qualcuno che ha vinto così tanto, che fa parte della storia del calcio, che è ancora motivato a dare il meglio con la sua squadra, dimostri quanto sia appassionato di calcio. E riesce a trasmetterlo a tutti noi”.

Che effetto le ha fatto indossare per la prima volta la maglia della Roma?
“È chiaramente una grande gioia poter rappresentare questa maglia, con tutto ciò che significa. Dobbiamo essere consapevoli di tutte le persone che ci sono dietro, di tutte le persone che vengono a vederci. Quindi, prima di tutto bisogna rispettare la maglia, onorarla. E come ho detto prima, spero di poter giocare subito la prima partita all’Olimpico con i nostri tifosi”.

E quanto la motiva la prospettiva di giocare all’Olimpico?
“Molto. Da quello che ho potuto vedere alla presentazione, questo mi ha sicuramente motivato ancora di più a stare con loro.

E di Roma come città, non vede l’ora che diventi la sua casa?
“Credo che sarebbe difficile descrivere Roma e il suo significato. Roma è sempre stata la mia città preferita fin da quando ero bambino. Credo di conoscere molto poco della città, quindi sono anche molto curioso di conoscere nuovi luoghi. Sicuramente, quando la mia famiglia arriverà qui, troveremo il tempo per conoscerla.

Il boato del pubblico quando sentirà il suo nome sarà un momento speciale, vero?
“Assolutamente sì. Come ho già detto, spero che il primo gol arrivi presto, così sarà ancora più speciale”.

Nella sua carriera ha vissuto molti momenti incredibili. Sentire l’amore dei tifosi le dà ancora una scarica di adrenalina?
“Certo. Noi latini siamo abituati a giocare con tifosi molto rumorosi allo stadio. Qualunque sia il risultato, loro sono lì a saltare e cantare per tutti i 90 minuti. Credo che questi tifosi siano molto simili a quelli dell’America Latina, quindi sarà come tornare a casa”.

Questo è un nuovo capitolo della sua storia, quali sono le sue ambizioni?
“Le stesse di sempre. Voglio vincere. Credo che alla fine si tratti di un gioco e che tutti giochino per vincere. Ovviamente dobbiamo tenere conto di quello che dobbiamo fare, di quello che ci chiederà l’allenatore. Abbiamo degli obiettivi e credo che sia molto importante essere consapevoli di quello che possiamo fare e dare un po’ di più in generale”.

La Roma ha appena vinto la Conference League, come cambia l’approccio a questa stagione?
“Credo che vincere un trofeo sia stato molto importante per i miei compagni, perché vincere ti aiuta a vincere, questo è certo. E poi avere un allenatore come Mourinho, che ti dà sempre più energia nello spogliatoio e ti dà più consapevolezza quando scendi in campo”.

E quali sono i momenti che non vede l’ora di vivere?
“Sicuramente giocare all’Olimpico con i nostri tifosi e ovviamente fare gol”.

Roma, Gualtieri: "A ottobre la presentazione del progetto Pietralata"

Guarda il video

Roma, Gualtieri: “A ottobre la presentazione del progetto Pietralata”

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Balotelli ubriaco barcolla fuori da un bar in Svizzera, sorretto da due persone VIDEO Successivo Dybala esulta sui social, il Papu Gomez ha una richiesta sulla maglia

Lascia un commento