Dybala-Di Maria, chi fa l’affare? La Juve, ecco perché

Angel sulla fascia può fare la differenza con i cross per Vlahovic: dribbling e ordine, così Allegri avrebbe più opzioni

Per capire fino in fondo la mossa della Juve di liberarsi di Dybala, che è stata sicuramente discutibile nella forma e lascia qualche perplessità anche nella sostanza, bisogna ricordare l’investimento compiuto per Vlahovic. Quando il centravanti serbo è diventato la pietra angolare del nuovo progetto bianconero, sono cambiate le valutazioni della società sull’argentino. Di conseguenza hanno pesato molto l’incognita legata alle condizioni fisiche della Joya (che avrebbe dovuto, lui per primo, pretendere un check-up approfondito e una gestione diversa, magari con un preparatore che lo seguisse personalmente giorno dopo giorno), le difficoltà economiche del club (che avrebbe dovuto corrispondere uno stipendio importante a un campione fragile) e le caratteristiche tecnico-tattiche di Dybala.

Precedente Napoli, pugno duro con Ruiz: non vuole rinovare e rischia l'esclusione Successivo Parata di italiani: in porta tutti vogliono Vicario e Carnesecchi

Lascia un commento