Dybala, affaticamento muscolare: in forte dubbio con la Lazio

Oggi le visite: nessuna lesione muscolare per la Joya, che però dovrebbe rientrare con Chelsea o Atalanta. Out Chiellini, Bernardeschi e De Sciglio

Nessuna lesione muscolare, come prevedibile. Paulo Dybala, però, resta in forte dubbio per il match di sabato con la Lazio, a seguito dell’affaticamento muscolare al muscolo tibiale posteriore diagnosticato già in nazionale. L’infortunio è in fase di risoluzione, le condizioni del calciatore saranno monitorate nei prossimi giorni dallo staff medico del club bianconero, più con vista sul Chelsea in Champions League o sull’Atalanta in campionato, tra una settimana.

Le visite

—  

L’argentino si è presentato intorno alle 14 al J Medical per sottoporsi a esami strumentali, dopo l’infiammazione al soleo sinistro che gli ha procurato dolore nel corso del ritiro con l’Argentina. “Sto bene, grazie”, ha detto la Joya all’uscita poco prima delle 15. Il dieci della Juve, che tornava titolare nell’Albiceleste dopo due anni, ha alzato bandiera bianca all’intervallo del match con l’Uruguay. E, per precauzione, non ha giocato contro il Brasile. Facendo ritorno a Torino la notte scorsa a bordo di un aereo privato che gli ha consentito di contenere più possibile lo stress da viaggio.

Infermeria

—  

La Juve sabato all’Olimpico dovrà sicuramente fare a meno di Giorgio Chiellini (già fuori con la Fiorentina e durante la pausa a seguito di un’infiammazione al tendine di Achille), di Federico Bernardeschi (out per una ventina di giorni per una lesione di basso grado al muscolo ileopsoas rimediata in Nazionale) e di Mattia De Sciglio (che dovrebbe tornare a disposizione la prossima settimana tra Chelsea e Atalanta). Pronto al rientro, dopo quasi un mese di stop per una noia muscolare, Moise Kean. Mentre Rodrigo Bentancur, che aveva preso una botta al ginocchio nel corso di Uruguay-Argentina, non preoccupa particolarmente. Dalla disponibilità o meno, di Paulo Dybala, dipenderanno chiaramente le scelte tecniche in attacco.

Precedente Fiorentina, Italiano: “Abbiamo una maledizione sui nostri centrali di difesa!” Successivo Il fango e l’abisso: così si perse il miglior amico di Diego

Lascia un commento