Dubbio Donnarumma per Pochettino, Guardiola aspetta Messi: “Spero giochi”

La conferenza dei due tecnici alla vigilia del match di Champions. Pep si prepara a riabbracciare la Pulce: “Siamo fortunati a vederlo giocare da oltre 16 anni”

Contro il City torna Verratti, ma soprattutto Messi. Da capire poi se dal 1′, come sembra probabile, nonostante il periodo di infortunio. Almeno è quanto si auspica Guardiola pensando alla sfida-show di domani con il Psg, dove potrebbe magari debuttare in Champions League pure Donnarumma. Anche se Pochettino non conferma le indiscrezioni su un possibile impiego da titolare dell’ex rossonero. In ogni caso, si respira già aria di grande calcio.

spirito

—  

Con Messi, il Psg può schierare il tridente delle meraviglie insieme a Neymar e Mbappé. E Guardiola prova a prendere le misure: “Non ho la ricetta per fermarli sono talmente forti che serve talento per bloccarli, difendere bene senza palla e farli correre quando siamo in fase di possesso. Sono giocatori eccezionali, tutti lo sanno. Siamo fortunati di vedere Messi giocare da oltre 16 anni, non c’è bisogno di spiegare chi sia, la sua è una carriera eccezionale e spero davvero giochi per lo spirito del gioco”.

obbligo

—  

In ogni caso, non è ancora il Messi di Barcellona, al di là dell’infortunio al ginocchio sinistro che l’ha tenuto fuori una settimana: “Ma è solo una questione di tempo – spiega Pochettino -, deve sentirsi a casa a Parigi, insieme alla sua famiglia. E dopo ci aiuterà a vincere”. Anche perché a Parigi, vincere è un obbligo, come sottolinea Herrera: “In nessun altro club c’è la pressione che c’è qui. Anche se la Champions è un sogno che almeno una dozzina di squadre inseguono. Tra cui il City. Ma al Psg abbiamo gli occhi del mondo addosso e ogni cosa prende proporzioni smisurate”.

duello

—  

Tipo lo screzio di sabato quando Mbappé ha dato del “clochard” a Neymar. Episodio che Pochettino ha già archiviato: “Sono due ragazzi fantastici, e grandi campioni che vogliono sempre vincere e segnare. Sono cose che capitano, ci ho parlato e come si è visto in allenamento va tutto bene”. Lo conferma Herrera, con un tocco di humour: “Se fosse successo tra me e Paredes nessuno se ne sarebbe accorto”. Contro il City in ogni caso, ci saranno entrambi. Meno scontata invece la presenza di Donnarumma, anche perché Pochettino ha rifiutato di confermare le indiscrezioni su un possibile esordio: “La formazione la decido domani”. E il duello con Navas continua.

Precedente L'affondo di Agnelli: "Sistema da cambiare. La Juve? Ancora protagonista" Successivo Serie C, Russini non basta al Catania: col Catanzaro finisce 1-1