Dramma Fiorentina, Joe Barone non ce l’ha fatta: calcio italiano in lutto

Joe Barone e il legame con Commisso

Nato a Pozzallo, in provincia di Ragusa, il 20 marzo 1966. Dalla Sicilia, all’età di 8 anni, insieme alla famiglia si trasferisce in America. Qui, dopo aver terminato i suoi studi, prima lavora in un istituto bancario, poi l’incontro decisivo per la sua carriera, quello con Rocco Commisso. Inizialmente Barone lavora per la società di Commisso, la Mediacom, nel corso degli anni diventa sempre più il suo uomo ombra. Soprattutto quando Commisso decide di investire nel calcio. E così nel 2017, dopo l’acquisizione dei New York Cosmos da parte dell’attuale patron viola, Barone è il vicepresidente della squadra statunitense. Nel 2019 il ritorno in Italia. Sempre con Rocco Commisso, sempre nel mondo del calcio. Questa volta, però, con la Fiorentina. Commisso vuole Joe Barone come dg del club. Insieme, in questi anni, due finali perse (una di Coppa Italia contro l’Inter e una di Conference League contro il West Ham) e il sogno quarto posto Champions accarezzato, ma mai realizzato, grazie al gioco dato alla squadra dal tecnico, Vincenzo Italiano. Il suo più grande progetto è il ‘Viola Park’, nuovo centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli inaugurato lo scorso anno. La morte di Joe Barone è l’ultimo dramma vissuto in casa viola negli ultimi anni. Il 4 marzo 2018, a poche ore dalla sfida di campionato contro l’Udinese, moriva il capitano viola Davide Astori stroncato da una cardiomiopatia aritmogena. Anche lo storico presidente del club gigliato, Mario Cecchi Gori, morì nel 1993 a causa di un infarto. Stessa sorte per un altro ex presidente viola, Pier Cesare Baretti. Artefice dell’acquisto di Roberto Baggio, Baretti morì il 5 dicembre del 1987 in un incidente aereo avvenuto sulle montagne di Piossasco, in provincia di Torino. 

Il comunicato della Fiorentina

Questo il comunicato della Fiorentina: “Con un dolore profondo e immensa tristezza, la Fiorentina oggi perde un suo punto di riferimento, una figura che ha segnato la storia recente del Club e che non sarà mai dimenticata. Il Direttore Generale Giuseppe Barone, dopo il malore occorso domenica, è venuto a mancare oggi presso l’ospedale “San Raffaele” di Milano. Rocco Commisso e la sua famiglia, Daniele Pradè, Nicolas Burdisso, Alessandro Ferrari, Vincenzo Italiano, Cristiano Biraghi e tutta la Fiorentina sono distrutti per la terribile perdita di un uomo che ha offerto la sua grande professionalità, il suo cuore e la sua passione per questi colori, di un amico disponibile e sempre vicino in tutti i momenti, sia quelli più felici e, soprattutto, quelli più difficili. Tutto il mondo viola si stringe in un abbraccio commosso alla moglie Camilla, ai suoi figli e a tutta la famiglia Barone in questo momento di enorme sconforto”.

Il cordoglio di Juve e Milan

Lutto nel mondo del calcio con tanti messaggi di cordoglio in arrivo per la famiglia di Joe Barone e tutta la società Fiorentina. Questo il tweet della Juventus: “Siamo vicini alla famiglia Barone e a tutta la Fiorentina per la tragica scomparsa di Joe”, a cui segue quello del Milan: “L’AC Milan esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Joe Barone. Le nostre più sentite condoglianze alla sua famiglia e alla Fiorentina”. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis ricorda così il direttore generale della viola: “Con Joe Barone se ne va una persona leale e piena di voglia di innovare”. Anche l’Inter ha espresso la sua vicinanza: “FC Internazionale Milano esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Joe Barone e si stringe attorno alla famiglia e alla Fiorentina“. Tutti i club di Serie A hanno dedicato un pensiero a Barone e alla sua famiglia, la Lega ha scritto: “La Lega Serie A esprime il proprio cordoglio e si stringe alla famiglia, a Rocco Commisso, alla squadra e a tutto il personale della ACF Fiorentina per l’improvvisa scomparsa del Direttore Generale Joe Barone”.

Precedente Festa del papà, il dolce ricordo di Rosella Sensi per suo padre Franco Successivo E’ morto Joe Barone, il dg della Fiorentina aveva avuto un infarto domenica