Dragusin: “Vorrei diventare metà Bonucci e metà Chiellini”

Radu Dragusin, difensore di proprietà della Juventus, ha parlato ai microfoni del canale rumeno PlaySport della sua esperienza in bianconero: “In realtà inizierei con la fine del 2020, che ha coinciso con l’esordio nella prima squadra della Juventus. È un momento che non dimenticherò mai, perché è lì che è iniziato il mio viaggio nel grande calcio. Da allora ho iniziato ad abituarmi più spesso, a capire come stanno le cose e come ci si deve comportare in uno spogliatoio o negli allenamenti con grandi campioni. Nel complesso, vorrei trasmettere una nota positiva a questo 2021. Ma voglio crescere ulteriormente, progredire ogni giorno.

C’è da tantissimo da imparare da Chiellini e Bonucci. Se devo scegliere un loro consiglio, sarebbe quello di tenere i piedi per terra. Bonucci è il direttore della difesa, quasi un trequartista, da lui vengono tanti palloni. Ha una visione incredibile del gioco. Chiellini è un guerriero, anche se non ne ha l’aspetto. Osservalo da vicino durante le partite e scoprirai la fame con cui si difende. Ma dopo le partite, diventa la persona più “calorosa” possibile. È il capitano della Juve, l’uomo che raccoglie tutti intorno a sé. Vorrei diventare metà Bonucci e metà Chiellini! De Ligt? Una bestia! Nonostante sia molto sviluppato fisicamente, ha una velocità incredibile. Un atleta perfetto!

Ronaldo? Una volta insieme abbiamo ottenuto i migliori risultati in un test di velocità di 40 metri. Essendo il più giovane del gruppo, i miei compagni mi prendevano in giro, ma in senso positivo, ovviamente. Poi, mentre ero in palestra con la squadra, Ronaldo mi ha detto che lo aveva chiamato il presidente dello Sporting Lisbona perché era interessato a me, sapendo che ero in un momento in cui dovevamo decidere se lasciare la Juve. Gli dissi che era tutto da vedere, non sapevo ancora cosa sarebbe successo dopo. Ronaldo era rispettato da tutti, ma non ci ha mai disprezzato. Potevi avvicinarlo con qualsiasi domanda, non era affatto un ragazzo intoccabile“.

Precedente La Serie A torna il 6 gennaio, Dazn o Sky? Dove vedere Milan-Roma, Juventus-Napoli e le altre partite Successivo Roma, per la fascia destra è Maitland-Niles il prescelto. Almamy Touré l'alternativa

Lascia un commento