Donnarumma, la Spagna, Koulibaly: gli uomini sono uguali, i fischi no

Gli episodi del Meazza e i recenti insulti all’indirizzo del senegalese riaccendono i riflettori sul tema delle contestazioni dagli spalti. Il rischio in agguato è quello di lasciarsi andare a riflessioni superficiali. Vietato fare di tutti gli episodi un fascio: “Dobbiamo dividere, riconoscere e distinguere e poi tornare all’ampiezza…”

Si parla di fischi e si comincia con uno scrittore che ci hanno letto da bambini, e che dovremmo leggere ai nostri bambini, tramandarlo come una bella tradizione italiana: “Spiegatemi voi dunque, in prosa od in versetti, perché il cielo è uno solo e la terra è tutta a pezzetti”.

Precedente Napoli, Politano: "Spalletti è cambiato tatticamente. E Insigne mi spiega il dialetto" Successivo Cosenza, allarme rientrato per Vigorito. Vaisanen operato per la frattura al piede

Lascia un commento