Precedente Taylor, Playstation e soliti Casini Successivo Diego Llorente saluta la Roma: "Un anno e mezzo indimenticabile". Adesso il Betis

Lascia un commento