Diretta De Laurentiis, la conferenza stampa del presidente del Napoli LIVE


11:52

La rottura con Spalletti

Tornando a Spalletti, dopo il 18 aprile spiegai di stare con lui per risollevare il morale. Mandai giuridicamente l’esercizio dell’opzione in via pec per la prossima stagione. Mai avrei creduto nella cena del 12 maggio che avesse avanzato l’idea di prendersi un anno sabbatico e riposare. Non siamo in un gioco di società, quando si cerca un nuovo allenatore, bisogna comprendere la sua volontà. Volevo trovare un modo per trattenere Spalletti giuridicamente e amichevolmente. Avevo il dubbio che Gravina lo avesse contattato… Il mio errore, e accuso me stesso, è stato imporre la mia esercitazione dell’opzione, poi ci sarebbe stata una causa e forse avrebbe abbondanato, ma avrei dovuto tenere il pugno fermo. Sembra che volesse andare via, si sapeva che Kim sarebbe andato via dopo il primo anno, lo sapevamo quando lo abbiamo contrattualizzato, ma prima che arrivasse al Napoli non lo conosceva nessuno e poi non è solo merito suo se abbiamo vinto lo scudetto. Inoltre, quest’anno la Champions è diversa rispetto alla passata stagione“.


11:49

De Laurentiis e gli arbitri

Continua la ricostruzione di De Laurentiis: “Al Premio Bearzot al Maschio Angioino il 24 marzo dico che Spalletti resterà con noi, lui non smentisce, dopo il 4-0 col Milan, il 18 aprile poi c’è Napoli-Milan 1-1 in Champions, con la sfortuna del rigore sbagliato. Gli arbitri? Mi ritengo libero e credo di essere ricco, non solo economicamente, anche di finanziare con i miei soldi il nuovo centro sportivo con 12 cambi su 30 ettari che faremo nei prossimi 24 mesi. Ma sono un uomo libero, non me ne frega niente degli arbitri. Poi arriverà un momento in cui tutti dovranno ragionare in maniera diversa. Quando ho incontrato Florentino Perez ad Alicante, gli ho detto che aveva avuto il merito di lanciare un elemento scatenante con la Superlega. Quando ragioni come monopolio, sei antidemocratico. Perez ha avuto dalla corte europea la soluzione a tutti i problemi, si studia una competizione che parta da 5 miliardi d’entrate e si arrivi a 100 miliardi d’entrate“.


11:44

L’eliminazione dalla Champions

Spalletti nel secondo anno ha deciso di vivere e dormire a Castel Volturno. Lo vedrete confessato nel film che sto finendo di montare. Film che devo decidere se trasmettere nelle sale o anche allo stadio. A un certo punto questo impasto da cuocere non lievita come dovrebbe, però i punti di vantaggio sono così tanti…Io ci rimango malissimo nell’uscita dalla Champions, che mi aspettavo di poter vincere. Se ci è andata a un passo l’Inter, che era a 20 punti da noi… Se vincevamo pure la Champions mi avrebbe declinato al mondiale per club che vale 100 milioni“.


11:38

La pulizia fatta da ADL

Entro il 30 giugno io avevo il diritto di esercitare l’opzione in modo scritto nei modi che sono dovuti. Cosa è successo? Nella scorsa stagione a novembre e dicembre siamo stati in ritiro in Turchia per la pausa dei Mondiali, abbiamo avuto un grande gennaio e febbraio, poi da marzo siamo calati. Kvara era stata la grande star, ma poi da marzo a novembre è calato tantissimo. L’estate precedente avevo fatto una pulizia di personaggi che non remavano per il bene della società anche se ottimi professionisti“.


11:32

Inizia a parlare De Laurentiis

Ecco De Laurentiis: “Devo considerare il parterre napoletano una bella famiglia. Dopo aver vinto lo scudetto non posso coltivare la cultura del dubbio perché fa male al fegato e fa male al cervello. Certe cose non è sempre possibile dirle e recitarle mentre accadono perché si pensa che si possano risolvere. Sono alla morte non c’è rimedio. Io avevo fatto bene il contratto a Spalletti, gli avevo fatto lo stesso contratto di Benitez, poi ho esercitato l’opzione, che non è un fatto bilaterale, ma unilaterale e ha un valore. Con entrambi prevedeva un ulteriore anno per un’altra stagione. Entro in un termine predeterminato ed avevo il diritto di esercitarla con una comunicazione scritta in modo legale e dovuto in pura esecuzione giuridica.“.


11:22

Il momento del Napoli

Dopo lo scudetto vinto nello scorso maggio, il Napoli attualmente è settimo in classifica dopo 22 gare giocate, staccato di ben 22 punti dall’Inter prima in classifica. La formazione di Mazzarri è uscita malamente dalla Coppa Italia ed è attesa dagli ottavi di finale di Champions League contro il Barcellona.


11:13

I temi sul tavolo

De Laurentiis tornerà a parlare, probabilmente, della scelta di Rudi Garcia come allenatore dei campioni d’Italia dopo l’addio a Spalletti e dell’esonero del francese, sostituito con Mazzarri a novembre. Tra gli argomenti possibili anche il futuro di Osimhen, destinato a lasciare il Napoli a giugno, il caso Zielinski, a rischio emarginazione con il contratto in scadenza, e il mercato di gennaio.


10:55

Alle 11.30 le parole di De Laurentiis

Alle 11.30 inizierà la conferenza stampa di De Laurentiis dal Konami Training Center di Castel Volturno, quartier generale del Napoli.


Konami Training Center, Castel Voturno (Caserta)

Precedente "Chiesa erede di Salah: il Liverpool vuole l'asso della Juve" Successivo Nuovo cinema De Rossi: le sue idee fanno breccia nella Roma

Lascia un commento