Dimarco, Augello & soci: i campioni se ne vanno? Facciamo tirare gli italiani

La riscossa dei ragazzi che non c’erano all’Europeo e vogliono esserci ai Mondiali: dai due protagonisti di Samp-Inter alle reti di Politano ed El Shaarawy

C’è la punizione mancina di Dimarco, di mestiere difensore in evoluzione e proiezione sulla fascia sinistra: va nel “sette”, nel posto dove chi gioca sogna di piazzare il pallone. Più tardi c’è il definitivo pareggio di Augello, anche questo col piede sinistro: raccoglie il cross di Bereszynski osservandone la traiettoria e pensando a quell’esecuzione con l’ombra che sembra staccarsi da terra, il tiro di collo, al volo, a occhi chiusi, come sognato: tutti sognano quel tiro.

Precedente Ajax, la maglia dedicata a Bob Marley bandita dalla Uefa: ecco perché Successivo Covid, Champions e quell’alleato speciale dell’Inter contro il Real

Lascia un commento