Diletta Leotta rompe il silenzio su Can Yaman: "Vi dico la verità"

“Non parlo mai d’amore”, ha ammesso Diletta Leotta, ma negli studi di Verissimo ha fatto un’eccezione, svelando finalmente tutta la verità sulla sua chiaccheratissima relazione con Can Yaman. “È stata una storia bellissima, un sogno, una favola – ha raccontato a Silvia Toffanin – Probabilmente questo è. È stato un colpo di fulmine. Siamo due ragazzi di 30 anni che si sono conosciuti, innamorati e cercato di vivere questa passione enorme. Una siciliana e un turco, pensa che mix esplosivo può uscire… Noi due siamo molto passionali, lui anche più di me. Ed è stato anche tutto molto veloce, molto bello”. “La cosa un po’ complicata è che quando capita di innamorarti di un uomo così famoso e conosciuto, devi fare i conti anche con tutto il resto. Mi piace condividere la foto di un momento bello, ma poi c’è la vita reale dall’altra parte dello schermo ed è difficile da tenere intima. Era quasi tutto schedulato da un titolo di giornale, è una cosa che chiaramente pesa e fai i conti con questo. Entrambi facciamo dei lavori che ci portano a essere esposti, a volte dividere la persona dal personaggio è difficile”.

Diletta Leotta: “Sono ancora innamorata di Can Yaman”

Diletta Leotta ha commentato anche le voci secondo cui la storia con il bell’attore turco fosse studiata a tavolino: “Chi pensa questo non sa cos’è l’amore”. “Io penso di essere innamorata – ha aggiunto – non mi era mai successo. In questa situazione perdi la testa, perdi il controllo, e a volte perdi anche l’amore. Questo non è un momento facile, ora io e Can siamo lontani ma non so che cosa succederà in futuro. Mi auguro che si possa trovare un equilibrio, questo è un momento di riflessione che può solo farci bene”. “Matrimonio? Era tutto vero, c’era stata la proposta dopo solo un mese che ci conoscevamo. Forse le cose sono andate un po’ troppo veloci…”, ha concluso. 

Diletta Leotta, le trasparenze incantano i social: "Arte"

Guarda la gallery

Diletta Leotta, le trasparenze incantano i social: “Arte”

Precedente Cagliari, Mazzarri: "La nostra tenuta fisica un'incognita" Successivo Da Cesare a Paolo a Daniel: storia di una dinastia nel nome della vittoria

Lascia un commento