Di Francesco verso il Milan: “Ho usato le telecamere dall’alto per…”

Dopo la vittoria contro il Cagliari e il pareggio contro il Verona, ora il Frosinone se la vedrà contro il Milan (qui la conferenza di Pioli). I rossoneri vengono dal pareggio subito all’ultimo minuto contro il Bologna a San Siro e ora avranno il dente avvelenato. Sarà una partita delicata e Di Francesco l’ha presentata in conferenza stampa, elogiando anche il lavoro di Pioli.

Frosinone-Milan, la conferenza di Di Francesco

L’allenatore ha fatto chiarezza sugli indisponibili e ha parlato dell’arrivo di Valeri: “Ci darà una grossa mano anche se non gioca da sette mesi e con la Cremonese si è allenato sporadicamente con la squadra. Per me è a disposizione, questo non significa che può giocare dall’inizio ma che può comunque entrare a gara in corso. Contro il Milan non ci saranno Oyono, Bonifazi, Lusuardi, Cuni, Marchizza, Kalaj, Zortea, Baez, Caso, Bidaoui e Ghedjemis”. Sui rossoneri: “Se guardassimo solo le due squadre non ci sarebbe modo di competere, ma dobbiamo alzare le nostre qualità e giocarcela. Sono cambiati diversi interpreti, Theo Hernandez all’andata ha giocato centrale e ha fatto una grande partita. Noi guardiamo tanto le gare con la telecamera che si chiama lavagna tattica, dall’alto, per osservare tutti i movimenti. Milan in crisi? Non credo, ha subito il pari all’ultimo col Bologna ma hanno avuto dei problemi e delle defezioni. Sono ancora in Europa. Ringrazio Pioli per i complimenti e lo apprezzo perché è sempre uscito alla grande dai problemi. Non credo che siano in crisi, ad Udine per mezz’ora hanno dominato”.

 Sulla quota salvezza: “38 punti. Ci sono state annate in cui è stata più bassa ma ad oggi devo pensare di dover rifare gli stessi punti dell’andata e stiamo lavorando in questa direzione”. Infine su Seck: “Lui è un giocatore diverso rispetto agli altri che abbiamo. Mi auguro che ci possa subito dare una mano con tecnica in velocità. E’ fondamentale iniziare a conoscere le caratteristiche dei compagni per farli esprimere meglio e lui sta lavorando su questo perché è quello che gli manca maggiormente. Questa settimana si è subito messo a disposizione, fa tante domande perché è curioso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma, Innocenti: "Portai Baldanzi a Empoli, vidi subito il talento" Successivo Mina sfida subito Lukaku: "È lui che deve preoccuparsi del Cagliari"

Lascia un commento