Di Francesco: “La Lazio è forte, ma il Cagliari se la può giocare”

CAGLIARI – “Le scelte saranno orientate anche in base alla disponibilità dei giocatori. Vorrei dare continuità a quel che stavamo facendo ultimamente. Dei due ultimi nuovi acquisti, Rugani è un po’ più avanti e potrebbe giocare dall’inizio; Asamoah me l’aspettavo più in difficoltà, invece mi è piaciuto come si è allenato, a partita in corso potrei utilizzarlo per far valere la sua esperienza e qualità”. Eusebio Di Francesco ha presentato così in conferenza stampa il difficile impegno che attende il suo Cagliari, di scena all’Olimpico contro la Lazio. La classifica piange e la lotta per non retrocedere si sta facendo già caldissima: “Play a centrocampo? Nainggolan è un giocatore di spessore che può fare il play, ha giocato in quella posizione anche se l’ha fatto con meno continuità: è un ruolo delicato, richiede fare le due fasi in una certa maniera, con fisicità, corsa, posizionamento a livello tattico. Io devo pensare al bene della squadra, portarla alla salvezza. Fare punti è l’unica cosa che conta in questo momento, non mi interessa come”.

Simone Inzaghi: "Con il Cagliari sfida insidiosa"

Guarda il video

Simone Inzaghi: “Con il Cagliari sfida insidiosa”

“Resistiamo alle difficoltà”

Ancora Di Francesco: “Sono convinto che alla lunga l’autenticità paghi. Non sono riuscito a dare un DNA preciso alla squadra per vari fattori contingenti che hanno complicato il cammino, i risultati non hanno aiutato. Però non è tutto da buttare, un certo tipo di calcio a tratti si è visto: un palo e un gol incassato al 95′ cambiano la storia. Ma la fortuna è una componente che dobbiamo andare a cercare attraverso il lavoro e gli atteggiamenti giusti. Adesso dobbiamo tutti quanti rimboccarci le maniche, resistere alle difficoltà pensando con testardaggine di poterne uscire fuori. Si mette da parte la parola “io” per sostituirla con “noi”: un ragionamento che deve prevalere su tutto il resto, non mi va di cercare alibi. Ciascuno di noi per il proprio ruolo è chiamato a pensare per il bene comune”.

“Lazio squadra forte, ma ce la possiamo giocare”

I biancazzurri sono forti, hanno raggiunto gli ottavi di finale di Champions, possono contare su giocatori importanti che si conoscono bene e su un allenatore bravo che ha dato continuità al progetto tecnico – ha spiegato Di Francesco -. Attaccano la porta spesso con quattro-cinque uomini: il loro portiere, Reina, è una specie di regista basso, gioca benissimo coi piedi e quindi guadagnano un uomo in fase di impostazione. Non è semplice affrontarli, hanno una serie di alternative: gioco corto, lungo, cercano gli esterni che sono molto bravi oppure Milinkovic-Savic tra le linee anche alzando il pallone, perché lui è bravo di testa. Noi però la possiamo giocare: dobbiamo approfittare di tutte le possibilità, giocando di squadra. Tutte le gare vanno disputate al massimo, con gli uomini più adatti che ho a disposizione” ha concluso il tecnico rossoblù.

Super Cragno e Joao Pedro non bastano al Cagliari: Boga salva il Sassuolo

Guarda la gallery

Super Cragno e Joao Pedro non bastano al Cagliari: Boga salva il Sassuolo

Precedente DIRETTA/ Spal Ascoli Primavera (risultato 0-0) video streaming: una chance per parte Successivo Lazio, Radu in dubbio: le ultime sulle condizioni

Lascia un commento