Derby County in crisi nera, ma il barbiere no! Effetto passaparola tra i giocatori

Sprofondo finanziario Derby County, ma almeno il barbiere dei giocatori se la gode…

Derby County insolvente, Derby County penalizzato. Il tecnico Wayne Rooney si lamenta che il proprietario non gli risponde più al telefono…ma i guai della squadra non riguardano lui, il barbiere diventato famoso per i tagli dei capelli ai giocatori dei Rams.

Richard Byrne infatti si ingrandisce, come conferma il Derby Telegraph: da Normanton Road, dove ha lavorato per 15 anni a Derby, ora si è trasferito in una sede più grande a Osmaston Road, nel centro della città. Negli ultimi dieci anni circa, Byrne ha lavorato con dozzine di giocatori dei Rams passati e presenti, tra cui Will Hughes, Tom Huddlestone, Chris Martin, Lee Buchanan e l’attuale capitano Tom Lawrence. Anche gli ex giocatori in prestito Harry Wilson e Mason Mount sono diventati suoi clienti durante il loro periodo al Pride Park.

Mister Byrne ora viaggia regolarmente verso sud per tagliare i capelli delle stelle del Chelsea grazie alla pubblicità che gli ha fatto il campione d’Europa Mount. Parlando del suo trasferimento a Osmaston Road e dei suoi legami con le celebrità, Byrne ha dichiarato: “Siamo aperti da 15 anni e sentivamo che era giunto il momento di trasferirci mentre crescevamo quel negozio. Normanton Road aveva uno stile più vintage, mentre il nuovo negozio ha un aspetto moderno. Ho tagliato i giocatori del Derby da circa 12 anni ormai e parecchi altri calciatori, probabilmente troppi da nominare. Mason Mount è diventato un buon amico. Ho anche lavorato molto in TV, di recente ho lavorato a un nuovo show di appuntamenti per la HBO americana, e venerdì sono a Londra per lavorare a un nuovo spettacolo per la BBC. Ho lavorato a spettacoli come The Voice, The Greatest Dancer con Cheryl Cole e con il concorrente di Love Island di Derby, Brett”.

Precedente Inter, hai visto che Sheriff? Milioni, 24 stranieri e strutture. I segreti del fenomeno della Transnistria Successivo Cagliari, la spinta del tifo: per Mazzarri è vietato sbagliare

Lascia un commento