Del Piero e il flop Juve: “Il problema è la testa. Idee e coraggio per svoltare”

La bandiera bianconera: “Otto punti di distacco dopo tre turni non possono spaventare: chi ha più leadership deve venire fuori”

La differenza, una delle differenze, è che ci metteva sempre la faccia. Quando le cose non andavano bene, e succedeva anche ai suoi tempi, Alessandro Del Piero non spariva. Al contrario: si presentava, parlava, spiegava. E con l’esempio dettava linee di comportamento che alla Juve seguivano tutti. Il capitano non è una fascia, ma un modo di affrontare le vittorie e le sconfitte.

Precedente Il calcio più bello lo gioca il Milan di Pioli. Ibra e Mou, due "dei" accanto a Spalletti Successivo Chiffi ok in Milan-Lazio: il rigore c'è, Bakayoko più da giallo che da rosso. E sulla lite...

Lascia un commento