De Rossi: “Mourinho? Spero non si stufi della Roma…”. Totti: “Il problema non è lui”

Parola anche a Totti: “La Nazionale farà una bella figura al Mondiale. Il momento dei giallorossi? Società e tifosi stiano vicini a Mou”

Una partita di padel con Totti stamattina, il pensiero alla sua Roma e alla sua Italia: Daniele De Rossi a Sky parla del momento azzurro e di quello giallorosso, in attesa di iniziare a lavorare in Federazione come collaboratore tecnico di tutte le nazionali dall’Under 15 all’Under 20. Partendo dagli Azzurri, De Rossi dice: “Jorginho è un giocatore imprescindibile, poi gli ultimi 3 rigori non sono andati bene, ma sono cose che si vedono nello spogliatoio. Abbiamo visto anche quello che è successo con Totti che in un anno ne sbagliò 3-4, i rigoristi vanno sopra queste cose. Questa squadra – aggiunge De Rossi – non ha bisogno di consigli, è andata sotto a Wembley con 60mila inglesi indemoniati ma ha fatto la sua partita. Parlando di rigori, non è un momento semplice, ma lunedì si andrà in campo per vincere la partita, ho grandissima fiducia perché ho avuto il privilegio di vivere tutto da dentro”.

La Roma e Mou

—  

Sul momento della Roma De Rossi è netto: fiducia incondizionata a Mourinho. Gli chiedono: “La Roma sarà soddisfatta a fine stagione se…”. E lui risponde così: “Se non avrà fatto stufare anche questo allenatore, che è uno dei più forti in circolazione. Al di là del fatto estetico, Mourinho è uno dei 5-6 tecnici migliori di sempre, ho la Roma dentro al cuore ma è meglio vederla da fuori ora, non vorrei mettermi nei panni di Mourinho. Stanno uscendo fuori in tanti, ma Mou ha personalità e sarà sereno”. Battute finali sul campionato: “Napoli e Milan sembra stiano abbastanza meglio delle altre, il Napoli ha fatto molto bene con Gattuso e sta facendo altrettanto bene con Spalletti. Secondo me rientreranno un po’ tutte anche se Roma, Inter, Lazio e Juventus sono un po’ staccate”.

Totti

—  

Dopo De Rossi, anche Totti senza se e senza ma si schiera dalla parte di Mourinho: “Se stiamo qua a dire che lui è il problema della Roma vuol dire che abbiamo sbagliato tutto. È l’allenatore che ha vinto più di tutti gli allenatori della Serie A. Chapeau, bisogna puntare su di lui perché è un grande tecnico e motivatore, un allenatore a 360 gradi. Sa come gestire il gruppo, sa quello che deve dire e quello che deve fare e punto sempre su questo tipo di personaggi. La società e i tifosi devono stare vicino a Mourinho”.

Precedente Diretta/ Brindisi Trento (risultato finale 76-80): clamorosa rimonta Successivo E diventano 3! Incredibile tripla tegola per Mancini: out Bastoni, Calabria e Biraghi

Lascia un commento