De Rossi, la Roma e il vecchio modulo: “La squadra è in rigetto”

Daniele De Rossi è intervenuto ai microfoni di Dazn per commentare il pari della Roma contro la Fiorentina arrivato in extremis grazie alla rete di Llorente. Il tecnico giallorosso ha dichiarato: “Non penso che sia colpa del giallo a Mancini. Il nostro atteggiamento, loro vincevano troppe seconde palle. Forse qualche mia scelta non ha aiutato al 100%. Abbiamo fatto un primo tempo moscio sotto tutti i punti di vista. Secondo tempo molto meglio, abbiamo preso il pallino in mano ma calciato troppo poco in porta”. Poi sul modulo utilizzato nel primo tempo ha aggiunto: Quando le cose non vanno bene uno deve farsi un’analisi. Dopo le coppe abbiamo sempre fatto tre brutti primi tempi e ogni volta li mettevo a tre per dargli più sicurezza. Forse non ne hanno bisogno. Quando li vedo stanchi, ritorno ad un sistema che li ha fatti sentire sicuri per tanto tempo. Erano quasi insuperabili a 5, almeno così mi ricordo ma forse sono in rigetto di quel modulo”.

L’analisi della gara

Nelle ultime partite avevo una bella impressione per come giocavamo. Anche nel secondo tempo abbiamo tirato troppo poco, dobbiamo risolvere questa cosa ma ci sono anche gli avversari. Abbiamo preso il 2-1 quando stavamo giocando meglio, pensavo di poterla vincere. Pii ci sono le individualità come il portiere che ha parato un altro rigore”. Poi su Llorente e Mancini ha dichiarato: “Llorente ha una qualità impressionante, sprecato per un difensore. In carriera qualche gol l’ha fatto e Ndicka gli dà una palla d’oro. Gol bellissimo provato e riprovato in allenamento (ride). Con Mancini non devo parlare, il discorso è chiaro. Lo stadio chiedeva il secondo giallo più di un gol. non è un cambio tattico o tecnico ma era per prevenire un’espulsione. SI respirava forte questa protesta. L’arbitro lo avrebbe buttato fuori”.

De Rossi su Dybala e Aouar

Dybala ha fatto una grande partita. Ha preso palla in posizioni meno consone a quelle solite. Ha speso dato una mano per costruire. Mi è piaciuto, è uscito ma non ha niente di particolare, è solo un po’ affaticato ma ci sta. Aouar è molto forte. Ha fatto un bel gol che gli darà morale. Sono contento che abbia fatto 90 minuti. Si merita di essere in questo gruppo perché si è sempre allenato con grande intensità. Vede che mi piace la sua evoluzione. Con il morale alle stelle ci può dare una mano”.

Precedente Bundesliga: il Bayern Leverkusen vince ancora, Friburgo e Francoforte ok Successivo Italiano nervoso: la riposta su Mancini in conferenza e il battibecco con un giornalista