De Rossi: “La quota Champions potrebbe essere a 70 punti, ma…”

Pasqua insolita per Daniele De Rossi e la Roma. I gialorossi scenderanno in campo il giorno di Pasquetta per la trasferta contro il Lecce. L’allenatore dei giallorossi ha analizzato la partita e il momento dei suoi giocatori.

Roma, le parole di De Rossi

Queste le sue parole ai microfoni del club: “Tutti dicono che per qualificarsi in Champions serviranno 70 punti, perchè le quarte negli ultimi anni hanno sempre fatto questi punti. Ma fare proiezioni ora serve a poco. Noi dobbiamo fare le nostre partite. Se le affrontiamo una per volta possiamo anche vincerle tutte. Nessuno si aspettava il rendimento delle ultime nove partite prima del mio arrivo, e questo deve darci fiducia per affrontare al meglio queste nuove partite”.

Le situazioni di Abraham e Dybala

Parole chiarificatrici sulle situazioni di Abraham e Dybala: “Per la formazione abbiamo ancora dei dubbi, ma non su Tammy che non potrà giocare questa partita (QUI i dettagli della sua situazione). Deve ancora compiere la terza e la quarta settimana di allenamento a regime pieno con la squadra. Dyabla lo valutiamo domani: ha fatto degli allenamenti più intensi da solo, oggi si è allenato con noi ma era un allenamento blando. Domani cercheremo di capire come starà e capire se portarlo o no”. 

“Mi aspetto un Lecce agguerrito”

E sugli avversari: “Avremo davanti un ostacolo molto duro come il Lecce, sappiamo che adesso i punti soprattutto per le squadre che sono in basso, valgono doppio, se non triplo. Sarà una partita durissima. Mi aspetto un Lecce agguerrito. Noi abbiamo preparato la partita con poco materiale di Gotti a Lecce dato che ha fatto solo una partita. Abbiamo preparato due versioni: una con quello che ha fatto a Udine e l’altra con quello che ha fatto vedere a Salerno. Ce le teniamo entrambe perchè non abbiamo molto altro”. 

De Rossi e la pausa nazionali

Infine una battuta sulla pausa per le nazionali: “Nessun rischio grande. Tanti hanno viaggiato lontano, sono tornati e hanno riposato invece che allenarsi. Sono stato in Nazionale sia da giocatore che da collaboratore e ho grande rispetto per questi momenti. Sono tornati tutti, ieri si sono allenati in maniera incredibile. La sensazione è che la squadra si sia già rituffata nel nostro obiettivo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Leverkusen, una rimonta da urlo: 2-1 in extremis, Schick stende l'Hoffenheim Successivo Reinier risponde a Gudmundsson: pari tra Genoa e Frosinone. Ok il Torino

Lascia un commento